Eligio Giardina, Sindaco di Taormina
Eligio Giardina, Sindaco di Taormina

La proposta del sindaco Giardina su Palazzo Ciampoli – Il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, ha comunicato al Consiglio comunale di ieri sera i temi affrontati nell’incontro che ha avuto a Palazzo dei Giurati con il governatore della Sicilia Rosario Crocetta, in seguito alla pregiudiziale del consigliere Piero Benigni, in cui l’esponente del Pd ha sollecitato il primo cittadino a intervenire in merito. «Ho fatto quello che deve fare un sindaco della città. Ho ricevuto il presidente e l’ho portato a visitare la mostra di Palazzo Ciampoli. Una delle mie proposte esposte al presidente riguarda la mostra. Assurdo aver speso una somma notevole per portare le opere d’arte a Palazzo Ciampoli e far durare soltanto un mese l’evento, in quanto la Soprintendenza non ha le disponibilità economiche per garantire l’esposizione. Noi invece potremmo gestirla per i fatti nostri. Sono in attesa di incontrare l’architetto Scimone per capire se ciò sarà possibile». Altro tema affrontato, come detto in questi giorni, riguarda il Casinò. «Taormina ha diritto ad avere un Casinò, quello del Mediterraneo, che deve fare concorrenza a quelli di Malta», ha detto il presidente Crocetta che chiederà a Renzi e Alfano di realizzare in tempi brevi la sua proposta.

Taormina Arte, lo scetticismo del sindaco – Il sindaco, nelle ultime ore, ha chiamato il ministro dell’Interno Angelino Alfano per programmare un incontro sul tema Casinò del Mediterraneo. «In seguito nella mia stanza abbiamo affrontato i problemi che riguardano la cultura e il turismo. Su Taormina Arte ho dovuto spiegare la problematica. Abbiamo qualcosa di grande valore che non può essere vanificato, oltre ai dipendenti senza stipendio da mesi. Crocetta mi ha garantito che parlerà con Barbagallo e con Vermiglio per incontrarci con il Comitato e velocizzare la trasformazione. Sono scettico, perché ogni volta siamo sul punto di raggiungere un obiettivo, ma dopo non se ne fa nulla». Il primo cittadino ha parlato anche del Villaggio Le Rocce: «Sul Villaggio Le Rocce il presidente Crocetta ha chiamato il prefetto Romano, si dovranno vedere, ha chiamato anche Antonio Presti e ci siamo dati appuntamento a Palermo. Il commissario della città metropolitana di Messina, Filippo Romano, ha detto: poiché l’Urega ha bocciato il project financing, sono disposto a dare la proprietà e la gestione delle Rocce alla città di Taormina. In questo modo saremo noi artefici del nostro destino».

«Crocetta mi ha confermato che si può modificare il Parco di Naxos aggiungendo il nome Taormina» – Nella giornata di lunedì, alle ore 15, ci sarà la riunione del Parco archeologico a cui è stata demandata la stesura delle date per gli eventi al Teatro antico. «Ho ricordato i 2 milioni di euro che la regione ci deve dare per i biglietti del Teatro. Inoltre il presidente Crocetta mi ha confermato che si può modificare il Parco di Naxos aggiungendo il nome Taormina. Dovrebbe chiamarsi Parco Taormina Naxos e il governatore Crocetta dovrebbe seguire l’iter della modifica. Il mio impegno sarà di seguire tutti questi temi passo per passo e con una presenza costante a Palermo», ha detto il sindaco Giardina. Il consigliere comunale di maggioranza. Carmelo Leonardi, ha detto che «il presidente Crocetta non va preso molto in considerazione per quello che ha promesso e non ha mantenuto. Cambia gli assessori e lascia tutto come prima».

© Riproduzione Riservata

Commenti