Taormina dissesto idrogeologico

«Per Messina e provincia, il Governo nazionale di Matteo Renzi stanzia 417 milioni euro per il dissesto idrogeologico» – Via libera al Patto per la Sicilia da parte del governo di Matteo Renzi. L’esecutivo ha deciso di stanziare 417 milioni di euro per far fronte al dissesto idrogeologico del territorio. Il resto dei fondi, che corrisponde a 1 miliardo e 600 milioni di euro circa, arriverà nell’isola in un secondo momento, quando ci saranno i progetti esecutivi e le opere saranno cantierabili. La maggior parte dei fondi, però, sono indirizzati alla provincia di Messina che vive in una situazione di disagio, dal punto di vista idrogeologico, ormai da diversi anni. A confermarlo è Giacomo D’Arrigo, direttore dell’Agenzia Nazionale Giovani, che sottolinea il lavoro svolto da Palazzo Chigi in un post pubblicato su Facebook: «Per Messina e provincia, il Governo nazionale di Matteo Renzi stanzia 417 milioni euro per il dissesto idrogeologico. Soldi veri per interventi veri con “l’obbligo” di far partire i lavori già dal 2016».

Ecco i fondi per Taormina – D’Arrigo prosegue con una domanda ben precisa: «Ma in tutti questi anni, avete notizia di una stanziamento così rilevante su un tema così importante e per un numero di Comuni così alto? (Solo nel comprensorio Jonio/Alcantera beneficeranno: Taormina, Castelmola, Furci, Casalvecchio, Limina, Mandanici, Fiumedinisi, Graniti, Roccalumera, Scaletta, S. Alessio, Mongiuffi, Antillo, S. Teresa. Ma l’elenco completo della provincia di Messina è ben più ricco). E infatti, per quanto riguarda Taormina, sono stati stanziati 2 milioni e 200 mila euro per l’avvio della progettazione del consolidamento del costone roccioso di Villagonia, con apertura del cantiere nel 2017. Altri 800 mila euro sono previsti per contrada Lappio e il costone roccioso che sta franando, ai quali devono essere aggiunti 2 milioni e 400 mila per la protezione e il consolidamento del centro abitato.

Altri fondi per Castelmola, Gallodoro e Mongiuffi Melia – Nel comprensorio di Taormina, inoltre, giungono finanziamenti anche per Castelmola e il consolidamento del centro abitato. A tal proposito sono stati stanziati 2 milioni di lavori, con progettazione esecutiva e altri 2 milioni per il consolidamento del costone roccioso a valle del centro abitato località Cuculunazzo-Sottoporta. Per il consolidamento del versante est, a valle del centro abitato, Graniti ha ottenuto 2 milioni di euro; mentre Gallodoro riceve 945 mila euro per il consolidamento e la riqualificazione ambientale del costone contrada Landro a difesa del centro abitato; 1 milione 295 mila euro per il consolidamento del versante soprastante la via di accesso e di fuga del centro abitato e 3 milioni 200 mila euro per la messa in sicurezza della tratto a monte della strada provinciale 13. A Mongiuffi Melia arrivano 1 mln 435 mila euro per il consolidamento a protezione del santuario e 636 mila 343 euro per il consolidamento del costone roccioso sovrastante l’abitato di Melia.

© Riproduzione Riservata

Commenti