L'assessore regionale ai Beni culturali Carlo Vermiglio
L'assessore regionale ai Beni culturali Carlo Vermiglio

Nell’inaugurazione di Palazzo Ciampoli che si è tenuta ieri pomeriggio, il sindaco Eligio Giardina ha parlato anche di Taormina Arte e ha invitato le istituzioni locali a prendere una decisione in breve tempo in modo da non far morire il Comitato. Il primo cittadino della Perla dello Jonio, in sostanza, ha sollecitato l’accelerazione della trasformazione di Taormina Arte in Fondazione. Un processo che è stato messo in piedi da oltre tredici anni, ma che ancora non è stato realizzato. L’argomento Taormina Arte, inoltre, era stato al centro dell’incontro tra il sindaco Giardina e un altro esponente della nuova giunta Crocetta già nella giornata del 23 novembre, quando era avvenuto il confronto con l’assessore al Turismo Anthony Barbagallo. Nell’occasione Eligio Giardina aveva esposto le problematiche di Taormina Arte, «le esigenze immediate del Comitato, come i pagamenti degli oneri e degli stipendi, della trasformazione in Fondazione e della questione della programmazione legata al calendario 2016 del Teatro antico in vista della stagione estiva».

Durante l’inaugurazione di Palazzo Ciampoli, però, il sindaco Giardina è tornato sull’argomento e ha messo in luce tre gravi problemi che gravano su Taormina e il suo futuro: «La gestione del Teatro antico con il 30 per cento che deve essere incassato dalla città, la realizzazione del Parco archeologico e la mancata trasformazione in Fondazione di Taormina Arte». L’auspicio del sindaco Giardina è che «un assessore messinese che conosce la storia di Taormina Arte, come Carlo Vermiglio, non faccia morire il Comitato dopo trent’anni di professionalità e impegno». Dal canto suo l’assessore Carlo Vermiglio, anche nell’incontro avuto nella stanza del sindaco con la giunta comunale, ha mostrato la massima disponibilità e ha definito «prioritaria la costituzione della Fondazione Taormina Arte». Inoltre il sindaco Eligio Giardina ha chiesto di «convocare per i primi di gennaio la riunione del Parco archeologico di Naxos a cui spetterà il compito di gestire e sancire l’assegnazione delle date per la programmazione che si dovrà svolgere al Teatro antico».

© Riproduzione Riservata

Commenti