Comune di Letojanni
Comune di Letojanni

Anche a Letojanni si parla di Statuo comunale – Il comune di Letojanni verso la modifica dello Statuto. Se a Taormina sei consiglieri della minoranza hanno proposto, tramite una delibera, delle modifiche allo Statuto, nell’altro paese del comprensorio potrebbe essere realizzata la stessa revisione. In particolar modo la giunta municipale propone che i «regolamenti comunali, per come predisposti dai responsabili competenti, prima di essere proposti all’approvazione del consiglio comunale, vengono sottoposti al parere in unica seduta consultiva della commissione consiliare competente per materia». Inoltre nel nuovo Statuto si dovrà tenere in considerazione che in seguito alla riduzione del numero dei consiglieri comunali del 20 per cento, il numero dei consiglieri è pari a 10.  Per quanto riguarda l’elezione del presidente del Consiglio comunale dovrà essere necessaria alla prima votazione la maggioranza assoluta dei componenti il consiglio; in seconda votazione risulterà eletto il candidato che abbia riportato la maggioranza semplice. In caso di parità si procede a votazioni successive da tenersi nella stessa seduta o in una successiva.

Le azioni del presidente del Consiglio comunale – Tra i poteri del presidente del Consiglio comunale ci sarà anche quello di sospendere e sciogliere la seduta e ordinare che venga espulso dall’aula il consigliere che reiteratamente violi il regolamento o chiunque del pubblico sia causa di disturbo al regolare svolgimento della seduta. Questi ultimi due provvedimenti devono essere motivati e trascritti nel processo verbale. Inoltre convoca il consiglio con all’ordine del giorno gli adempimenti previsti dalla legge o dal presente statuto e, compatibilmente con questi, dando la precedenza alle proposte del sindaco. Il presidente del Consiglio comunale può essere revocato dal consiglio comunale quando verranno accertate gravi e ripetute inadempienze, o per ripetute violazioni di legge, del presente statuto e dei regolamenti comunali oppure per gravi e reiterati comportamenti pregiudizievoli per la funzionalità ed efficacia dei lavori del Consiglio o lesivi del prestigio del consiglio stesso. La proposta di revoca deve essere motivata e sottoscritta dai 1/3 dei consiglieri comunali e presentata al segretario dell’ente, ed è iscritta all’ordine del giorno entro 20 giorni. La delibera del consiglio è efficace se ottiene il voto favorevole dei 5/6 consiglieri assegnati all’ente, ed è immediatamente esecutiva. La mozione di revoca non può essere proposta prima del termine di 12 mesi dall’inizio del mandato né negli ultimi 180 giorni del mandato medesimo. Per l’elezione del nuovo presidente si procede nella stessa seduta. Con le stesse modalità può essere proposta la revoca del vicepresidente del consiglio.

I cittadini o gli associati potranno presentare osservazioni e proposte da sottoporre al Consiglio comunale – La giunta è composta dal sindaco e da un numero di assessori pari a 3. La giunta è composta in modo da garantire la rappresentanza di entrambi i generi. La carica di componente della giunta è compatibile con quella di consigliere comunale. La giunta non può essere composta da consiglieri in misura superiore a un componente. Non possono far parte della giunta il coniuge, gli ascendenti e i discendenti, i parenti e gli affini sino al 2° grado, del Sindaco, di altro componente della giunta e dei consiglieri comunali. Uno degli assessori è investito della carica di vice sindaco. In caso di dimissioni di un assessore, la giunta si intende legittimamente costituita anche con 3 assessori, con l’onere per il sindaco di provvedere, senza indugio, a ripristinare la composizione iniziale. La giunta non può, invece, deliberare se il numero degli assessori in carica scende a 2. Adesso, in meno di un mese, secondo i dettami della regione Sicilia, i cittadini o gli associati potranno presentare osservazioni e proposte da sottoporre al Consiglio comunale.

© Riproduzione Riservata

Commenti