Il mal di gola o faringite rappresenta la più frequente infezione batterica delle vie respiratorie nel bambino in età scolare e nell’adulto. Presenta un andamento stagionale a seconda delle virosi che affliggono il tratto respiratorio tra gennaio e marzo. L’incidenza invernale è compresa tra 60 e 120 casi su 1000 persone. Nell’impostare il trattamento bisogna sapere che il 50% delle faringiti dipende da virus respiratori, per il resto da batteri. Sia i virus che i batteri entrano nel corpo attraverso la bocca o il naso, o perché si respirano particelle che vengono rilasciate nell’aria quando qualcuno tossisce o starnutisce, o perché si è a contatto con una persona infetta o si utilizzano oggetti condivisi, come utensili, asciugamani, giocattoli, maniglie delle porte o un telefono. Poiché i germi che causano il mal di gola sono contagiosi, possono diffondersi facilmente ovunque si riunisce un gran numero di persone, come scuole, asili e uffici.

Fattori di rischio – Anche se chiunque può avere la faringite, ci sono alcuni fattori che rendono più sensibili ai problemi della gola. Tra questi rientrano: l’età, bambini e i ragazzi presentano una maggiore probabilità di sviluppare il mal di gola; il fumo o l’esposizione al fumo passivo che contiene centinaia di sostanze chimiche tossiche che possono irritare il rivestimento della gola; allergie; l’esposizione a sostanze irritanti come il particolato rilasciato nell’aria da motori a combustione, così come le comuni sostanze chimiche per la casa; vivere o lavorare in spazi chiusi; scarse condizioni igieniche; basse difese immunitarie.

Sintomi – Tra i sintomi più comuni associati al mal di gola rientrano: sensazione di gola secca, ruvida o gonfiore; dolore nella deglutizione, durante la respirazione o nel parlare. La faringite di solito si verifica a causa di un’infezione che presenta ulteriori sintomi, per esempio se è causata da un raffreddore, si possono anche avere tosse, febbre, starnuti, dolori del corpo o naso che cola. Segni che possono far pensare ad una causa di fondo più grave, come la tonsillite, possono essere: macchie di colore bianco o pus sulla gola o tonsille (placche in gola), incapacità di deglutire, mal di gola che non migliora di per sé o che si ripresenta continuamente, vomito, cefalea e febbre alta.

Cura e terapia – Per alleviare il dolore si possono prendere dei farmaco anti-infiammatori non steroidei, come l’ibuprofene o il diclofenac, o un analgesico che allevia il dolore come il paracetamolo (Efferalgan, Tachipirina). La maggior parte dei mal di gola se ne va via senza alcun trattamento, spesso entro una settimana o poco più. Ciò è sicuramente positivo, perché non esiste una terapia medica per il mal di gola causato da infezioni virali, ma assumere più liquidi e dormire di più può aiutare a velocizzare la guarigione. Durante la malattia, è bene bere molta acqua e consumare alimenti liquidi come zuppe e brodi, non consumare invece bevande gassate o che contengono caffeina (Coca Cola).

Stile di vita e rimedi casalinghi – Fino a quando il mal di gola non ha completato il suo corso si possono seguire questi suggerimenti: aumentare l’assunzione di liquidi, evitare alcol e caffeina che possono causare disidratazione, fare gargarismi con acqua salata calda, utilizzare il miele e il limone (mescolare il miele e il limone in un bicchiere di acqua molto calda, e raffreddarla a temperatura ambiente prima che possiate sorseggiarla. Il miele aiuta a lenire la gola e il limone aiuta a liberarsi dal muco), mangiare caramelle dure, umidificare l’aria, evitare il fumo e altri inquinanti atmosferici.

Prevenzione – Il modo migliore per prevenire la malattia è anche uno dei più semplici: lavarsi bene le mani e frequentemente. Sanificanti a base di alcol sono un’ottima alternativa per lavarsi le mani, in particolare quando acqua e sapone non sono disponibili. Tuttavia non è necessario usare saponi antibatterici. Se le mani vengono lavate bene, il sapone tradizionale riuscirà ugualmente ad uccidere i germi.

Alimentazione in caso di mal di gola – Il mal di gola è un fenomeno infiammatorio che coinvolge la zona della gola con rossore e bruciore, a volte accompagnato ad un abbassamento della voce. E’ necessaria un’alimentazione antinfiammatoria con l’eliminazione di cibi confezionati, bevande zuccherate, latte e derivati e carne rossa. Da preferire cereali integrali, legumi, semi oleosi, frutta e verdura di stagione. Anche i broccoli sono utili contro il mal di gola . Infatti, i principi attivi presenti in questi ortaggi hanno la capacità di mitigare le infiammazioni delle vie aeree superiori (faringe, laringe, trachea e parte alta dei bronchi).

© Riproduzione Riservata

Commenti