Comune di Taormina
Comune di Taormina

«Possiamo guardare con fiducia al rinnovo del contratto dei precari comunali» – Il provvedimento trasmesso dalla sezione riunita della Corte dei Conti di Roma al comune di Taormina, che ha ridimensionato la grave situazione economica della Perla dello Jonio, anche alla luce di recenti sentenze che hanno riguardato l’Impregilo e Novamusa, per fare due esempi eclatanti, potrebbe avere un effetto immediato nella città. Si, perché qualora il comune di Taormina avesse dovuto dichiarare il dissesto economico-finanziario, avrebbe dovuto ridurre le sue spese con il rischio di mandare in mobilità una parte del personale assorbito negli ultimi anni. I cosiddetti precari, che si trovano un gradino sopra rispetto agli Asu (lavoratori utilizzati in attività socialmente utili), infatti, avrebbero rischiato di dover andare a casa dal 1° gennaio 2016. Invece, come annunciato dal sindaco di Taormina Eligio Giardina, «possiamo guardare con fiducia al rinnovo del contratto dei precari comunali. I 19 utenti precari rischiavano di andare a casa in caso di esito negativo da parte della Corte dei Conti, ma in questo modo, dal 1° gennaio il loro contratto verrà rinnovato».

«L’estratto conto della situazione finanziaria del comune, per la prima volta da diversi anni, parla chiaro e dice che il comune non ha debiti bancari» – Il sindaco di Taormina, inoltre, in occasione della conferenza stampa di sabato in Aula consiliare, ha parlato della possibilità, da qui in avanti, di programmare e dunque ha messo in evidenza un cambio di passo rispetto all’ultimo periodo. «Quando si cercava di programmare qualsiasi cosa, come il Natale, dovevamo fare i conti con il fatto che eravamo un comune deficitario. Oggi, invece, possiamo guardare oltre. In maniera responsabile possiamo progettare, programmare qualcosa per la città di Taormina. Far sì che i nostri cittadini abbiano qualcosa in più. Del resto è mortificante pagare le tasse e non avere un riscontro nei fatti. Possiamo affermare che la situazione economica della città è mutata. L’estratto conto della situazione finanziaria del comune, per la prima volta da diversi anni, parla chiaro e dice che il comune non ha debiti bancari», sostiene il primo cittadino Eligio Giardina.

© Riproduzione Riservata

Commenti