Pietro Barca, il piromane dell'auto BMW Z4, incastrato dalle telecamere di video-sorveglianza comunale
Pietro Barca, il piromane dell'auto BMW Z4, incastrato dalle telecamere di video-sorveglianza comunale

E’ lui il piromane della BMW Z4, data in fiamme ieri sera, che si trovava parcheggiata in via Pirandello a circa 50 metri di distanza da Porta Messina. Il sistema di videosorveglianza comunale lo ha immortalato mentre, intorno alle 19.00, cospargeva di liquido infiammabile la cappotta in tessuto dell’auto e gli dava fuoco. Aveva parcheggiato la sua moto Ape poco distante. Poi, rapido e veloce, si era avvicinato all’auto dando il via al rogo. Poco meno di tre minuti per riuscire a portare a termine l’operazione, compreso il maldestro tentativo di indossare il giubbotto al rovescio – lato interno di colore nero – prima di passare all’azione e rinfilarlo correttamente– lato esterno colore rosso – ad incendio consumato, per depistare possibili testimoni e simulare un’identità diversa.

Da giorni i poliziotti del Commissariato di Taormina avevano avviato indagini per chiarire le cause e gli eventuali responsabili degli incendi ad autovetture verificatisi in settimana. Gli appostamenti e i servizi specifici operati dagli agenti hanno portato ieri all’arresto del piromane che sarà giudicato stamattina con rito direttissimo. Ignote al momento le ragioni che lo hanno spinto a dare fuoco all’auto. Rinvenuto sulla moto Ape dell’uomo anche il bidone contenente residui di liquido infiammabile.

Proseguono le indagini per accertare la possibile responsabilità del cinquantenne anche per gli altri episodi di incendio di automobili.

© Riproduzione Riservata

Commenti