Taormina, Caserma Carabinieri
Taormina, Caserma Carabinieri

La Città metropolitana di Messina stringe la cinghia – Nella giornata del 5 dicembre si era diffusa la notizia secondo la quale l’edificio che ospita la Caserma dei Carabinieri di Taormina potrebbe essere venduto. Un’ipotesi difficile da concretizzarsi, ma che non è da scartare. L’immobile, infatti, è di proprietà della Città metropolitana di Messina che chiede almeno una rinegoziazione economica con il Ministero dell’Interno che ha in affitto la Caserma. Dalla Città metropolitana di Messina, inoltre, avevano fatto sapere che l’immobile è concesso a «un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato». Un qualcosa che in altri tempi sarebbe passato in secondo se non in terzo piano, mentre oggi, di fronte alle evidenti difficoltà economiche dell’ex Provincia regionale di Messina, non può più essere sostenuto. Almeno questo è quello che fanno trapelare dalla città dello Stretto. L’azzeramento dei trasferimenti erariali e il successivo prelievo delle risorse proprie, hanno spinto la Città metropolitana di Messina a stringere la cinghia, come si suol dire nel gergo comune.

Incontro tra il sindaco Giardina e il commissario Romano – Il Commissario straordinario Filippo Romano aveva chiesto di verificare la possibilità di rivalutare il canone di affitto a un “prezzo di mercato”, ovvero 208 mila euro annui. Un nuovo contratto da stipulare entro e non oltre il 31 dicembre 2015. Ma qualora non fosse possibile la rivalutazione del canone, i Carabinieri del Comando di Taormina dovrebbero liberare l’immobile che, a sua volta, verrebbe messo in vendita. Sulla vicenda era intervenuto il sindaco di Taormina Eligio Giardina, per fugare qualsiasi dubbio sulla possibile cessione dell’immobile e dunque sullo spostamento delle forze armate dal centro cittadino: «Non è né ipotizzabile né pensabile che si tocchi la Caserma dei Carabinieri a Taormina». E così, a distanza di alcuni giorni, il primo cittadino è tornato sull’argomento e dopo aver incontrato il Commissario straordinario della Città metropolitana di Messina, Filippo Romano, ha esternato la sua proposta.

Se non dovesse concretizzarsi la permuta, il comune vorrebbe comprare l’edificio – Il sindaco di Taormina, in sostanza, ha proposto al dottor Filippo Romano di realizzare una permuta tra l’immobile che ospita la Caserma dei Carabinieri ed è di proprietà dell’ex Provincia regionale di Messina e un immobile del comune di Taormina. Uno scambio di pari valore, per risolvere questo problema. «Ho proposto al commissario Filippo Romano di poter mettere in moto un meccanismo di permuta tra l’immobile dell’ex Provincia regionale di Messina e un immobile del nostro comune, in modo da fare una stima comparativa tra i due edifici». Anche se ancora non è stato individuato l’immobile da proporre alla Città metropolitana di Messina, è questa l’idea del sindaco Eligio Giardina, il quale sottolinea che «acquisire un immobile comunale come quello situato in piazza Vittorio Emanuele nel nostro patrimonio sarà sempre qualcosa di positivo. In questo modo riusciremo a dare una solida certezza alla Compagnia dei Carabinieri, mentre in futuro potrebbe servire anche per altro». Ma se non dovesse andare in porto questa proposta del sindaco di Taormina, Eligio Giardina ha tenuto a precisare che «da quella piazza la Caserma dei Carabinieri non si sposterà, a costo di far acquisire per interno al comune l’edificio».

© Riproduzione Riservata

Commenti