Bando illuminazione trappitello

Negli ultimi mesi, come avevamo detto il 27 ottobre, erano stati realizzati i lavori relativi all’efficientamento energetico dell’illuminazione e della sostituzione delle caldaie della piscina comunale. Le operazioni erano state rese possibili da un bando 2007/2013 ottenuto dal comune della Perla dello Jonio. L’ente, tramite, questo bando, ha installato lampade a led. In generale si tratta di due progetti, uno per l’efficientamento delle caldaie della piscina comunale da 800 mila euro circa e uno per la pubblica illuminazione, escluso il centro storico, da 2 milioni di euro circa.

Però il decreto di finanziamento da parte della regione Sicilia ancora non è arrivato. Regione che nelle ultime ore è alle prese con vicende delicate dal punto di vista finanziario: è stato approvato dalla giunta regionale il bilancio di previsione per il 2016 e nella giornata di lunedì ci sarà l’esame della legge finanziaria che conterrà, oltre alle misure di rigore necessarie, una serie di interventi a favore dello sviluppo, per la coesione e l’inclusione sociale e il precariato. Nella previsione per il 2016 è inclusa la copertura di un miliardo 400 milioni, la cui attesa impediva l’equilibrio del bilancio. Ma, tornando ai fatti taorminesi, la città ha concluso i lavori di efficientamento energetico, ma si trova a non avere soldi per pagare la ditta che si è occupata dell’installazione delle nuove apparecchiature. Proprio nel momento in cui il comune dovrà rivedere e riscrivere il Piano di riequilibrio economico finanziario per provare a evitare il dissesto dell’ente, ecco che un altro debito rischia di posizionarsi sul tetto di Palazzo dei Giurati.

© Riproduzione Riservata

Commenti