Casa di Riposo dichiarazioni di Pinuccio Composto
Pinuccio Composto, consigliere comunale

Pinuccio Composto: «Il Comandante Pappalardo ormai è iperattivo. Speriamo che questa iperattività non diventi una patologia» – La notizia era stata data già alcune settimane fa, ma la nomina del dottor Agostino Pappalardo a responsabile unico del procedimento per l’attività connessa al nuovo affidamento della Casa di Riposo Carlo Zuccaro di Taormina previo espletamento della relativa gara d’appalto, è stata ufficializzata soltanto negli ultimi giorni. Il tema Casa di Riposo, inoltre, è stato affrontato nel Consiglio comunale di ieri sera. Pinuccio Composto, esponente dell’opposizione, con ironia, ha detto che «il Comandante Pappalardo ormai è iperattivo. Speriamo che questa iperattività non diventi una patologia (riferendosi ai molteplici incarichi che gli sono stati affidati). Ogni società che ha gestito la Casa di Riposo è andata in contenzioso con il comune e ha sempre vinto. Ormai non possiamo permetterci più tutto ciò. Chiedo al Comandante di fare chiarezza sulle vicende passate che riguardano la Casa di Riposo».

Alessandra Caltabiano chiede risposte entro 48 ore – «Risale, invece, all’11 giugno la richiesta di delucidazioni sulla Casa di Riposo da parte delle consigliere comunali Alessandra Caltabiano, Liliana Tona e Graziella Longo. Nove domande, ancora, senza nessuna risposta e così Alessandra Caltabiano, nella seduta consiliare di ieri sera, ha ricordato che è «obbligo di legge offrire la documentazione richiesta a un organo istituzionale del comune come il consigliere comunale». La Caltabiano, dunque, ha chiesto una risposta nelle prossime 48 ore all’assessore competente, ovvero Mario D’Agostino. «In caso contrario, cioè di silenzio o inattività da parte degli amministratori, vorrà dire che ci rivolgeremo ad altri interlocutori al di fuori del comune che verranno messi al corrente della dolosa inattività dell’amministrazione su un tema così scottante come la tutela degli anziani in una Casa di Riposo», ha concluso la Caltabiano.

© Riproduzione Riservata

Commenti