Vittorino da feltre
Taormina, scuola Vittorino da Feltre

Il finanziamento per la scuola Vittorino da Feltre e gli ingranaggi della macchina amministrativa – La scuola Vittorino da Feltre, ormai, è il grande rimpianto della classe politica taorminese. Sulla sua chiusura per inagibilità, infatti, sono state esternate, in questi anni, tutte le perplessità del caso. Nel frattempo, anche sul fronte dell’edificio scolastico della Vittorino da Feltre, il percorso sembra essersi bloccato. Nessuna novità sotto il sole della Sicilia, considerando che in regione gli ingranaggi della macchina amministrativa si sono inceppati e a volte bloccati a causa dei continui rimpasti da parte del governo guidato dal presidente Rosario Crocetta e dei cronici problemi che l’isola si trascina da decenni. Adesso, però, dopo l’ok della maggioranza alla nuova squadra di assessori regionali, molti punti interrogativi dovrebbero avere una risposta e diversi lavori dovrebbero essere portati a compimento. Almeno questi sono gli obiettivi. Poi, si sa, in Sicilia tutto è possibile. L’ultimo passaggio della vicenda che riguarda la scuola Vittorino da Feltre è quello inerente il finanziamento.

Gaetano Carella: «Si attende l’emissione del decreto dalla regione» – L’assessore ai Lavori pubblici, Gaetano Carella, a tal proposito aveva specificato come «sul finanziamento alla Vittorino da Feltre ricordo che c’è un decreto dirigenziale del 15 maggio 2015 in cui il comune di Taormina era entrato a far parte dei finanziamenti». Il decreto a cui faceva riferimento l’assessore Carella era quello in cui erano state ammesse ben tre graduatorie definitive. «Il comune di Taormina è al 13esimo posto nella graduatoria. Sono stati finanziati 38 comuni e in questi mesi il procedimento è stato bloccato, perché uno dei comuni ha fatto ricorso e ha avuto risultato negativo». Inoltre l’assessore aveva dichiarato che in assessorato gli avevano detto che «era stato preparato il decreto, avevano accantonato la somma di 4 milioni del ricorso e a giorni arriverà il decreto di finanziamento». Già, a giorni. Ma da quella affermazione, in realtà, sono trascorsi mesi. E adesso, ribadisce l’esponente della giunta guidata dal sindaco Eligio Giardina, «si attende solo l’emissione del decreto».

© Riproduzione Riservata

Commenti