Avvento Duomo Taormina

È iniziato il periodo dell’Avvento e Taormina, per quanto riguarda la Diocesi di Messina, è stata al centro di una manifestazione che ha visto i giovani protagonisti. Si è svolto, nella giornata di domenica, l’evento “Cos’altro aspettiamo? Giovani presenti per cambiare il presente». Un titolo attuale, contemporaneo che ha posto al centro della discussione e delle attività dei ragazzi il concetto di tempo legato alla necessità di lasciare un’impronta nel presente. La Perla dello Jonio, per una giornata, si è riempita di ragazze e ragazzi provenienti dalla provincia di Messina. Un colpo d’occhio per gli abitanti taorminesi, che di solito sono abituati a vedere turisti e invece questa volta si sono trovati dei giovani giunti in città per pregare, riflettere e condividere. Un qualcosa, in vista dell’apertura della Porta Santa della Cattedrale giubilare, che potrebbe verificarsi anche nei prossimi mesi con altre manifestazioni.

Al ritiro dell’Avvento ha partecipato, come previsto nel programma, anche monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale e attuale amministratore apostolico in seguito alle dimissioni dell’arcivescovo Calogero La Piana. Monsignor Raspanti, intervenuto in mezzo ai giovani, ha voluto lanciare un messaggio ai ragazzi riguardo il concetto del tempo nell’età contemporanea: «Non abbiate paura, vivete facendo la differenza senza tentennamenti e difficoltà il dono del tempo», ha dichiarato il vescovo.

© Riproduzione Riservata

Commenti