Cassa depositi e prestiti
Comune di Castelmola

Il comune di Castelmola, questa mattina, ha ricevuto 1 milione e 950 mila euro dalla Cassa Depositi e Prestiti. Anche il paese che sovrasta Taormina, infatti, aveva fatto richiesta di liquidità. L’erogazione è finalizzata al pagamento dei debiti certi, liquidi ed esigibili maturati alla data del 31 dicembre 2014, ovvero dei debiti per i quali sia stata emessa fattura o richiesta equivalente di pagamento entro il predetto termine, nonché dei debiti fuori bilancio che presentavano i requisiti per il riconoscimento alla data del 31 dicembre 2014 anche se riconosciuti in bilancio in data successiva, inclusi quelli contenuti nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale, di cui all’articolo 243-bis del decreto legislativo 18 agosto 2000, numero 267, approvato dalla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti. È un fondo creato dallo Stato per pagare i vari debiti dei comuni e anche Castelmola ne potrà usufruire in quanto i comuni settentrionali, nella maggior parte dei casi, non hanno presentato alcuna richiesta alla Cassa Depositi e Prestiti.

La somma di 1 milione e 950 mila euro ricevuta dal comune di Castelmola, che dovrà restituire entro 30 anni secondo i termini previsti dalla legge, servirà per pagare vari debiti come quello nei confronti del Consorzio Rete Fognante, Siciliacque, parcelle legali, Sac e quasi 300 mila euro per l’acquedotto dovranno essere versati al comune di Taormina.

© Riproduzione Riservata

Commenti