Bambini al freddo alla scuola Ugo Foscolo di Taormina
Una classe della prima elementare alla scuola Ugo Foscolo di Taormina

Muffa e umidità, un contesto non ideale per i bambini – È arrivato il freddo. No, non è il generale Inverno, ma la stagione più gelida dell’anno ha mandato in avanscoperta un gruppo nutrito di uomini. In questi giorni, infatti, anche in Sicilia si sono abbassate le temperature che, a dire la verità, nel mese di novembre si erano mantenute al di sopra della media stagionale. Come detto dalle previsioni meteo dell’Aeronautica Militare, in questi giorni la colonnina scenderà ancora di qualche grado. Un bel problema per i bambini che frequentano la scuola Ugo Foscolo, edificio, come abbiamo ripetuto diverse volte in questi mesi, soggetto a diversi problemi. Tra questi c’è anche quello dei riscaldamenti, considerando che l’acqua è entrata con costanza da tutte le parti in questo periodo: finestre, soffitto, muri. E se entra acqua vuol dire che nella scuola Ugo Foscolo la muffa e l’umidità, sono di casa.

Carla Santoro: «Ho sollecitato il controllo della caldaia, perché se malauguratamente dovesse esserci un guasto, il rischio è che il 15 dicembre i riscaldamenti non verranno attivati» – La conseguenza è soltanto una: le bambine e i bambini della Ugo Foscolo sono costretti a stare e convivere con il freddo nella aule, nell’atrio della scuola e nei corridoi. Sarà così fino al 15 dicembre, dati in cui, per normativa nazionale, verranno attivati i riscaldamenti anche nella scuola Ugo Foscolo. In attesa di questa data fatidica, che in realtà non tiene conto dei continui cambi climatici e degli sbalzi termici, si dovrebbero revisionare le caldaie. È quello che chiede la dirigente scolastica, Carla Santoro: «Ho sollecitato il controllo della caldaia, perché se malauguratamente dovesse esserci un guasto, il rischio è che il 15 dicembre i riscaldamenti non verranno attivati. Quindi occorre fare per tempo il controllo e non aspettare l’ultimo momento. Meglio evitare gli imprevisti».

Sempre in attesa dell’assegnazione lavori – Problemi strutturali, quelli della scuola Ugo Foscolo. Qualcosa di ben noto in città e così si aspetta come una vera e propria manna dal cielo il via libera per il famoso bando che nelle ultime settimane è stato al centro del dibattito politico taorminese. Si tratta, per essere precisi, del piano dall’importo complessivo di 446 mila euro circa. Però si attende l’assegnazione della direzione lavori e l’identificazione del responsabile della sicurezza, anche se è stata predisposta in questi giorni la documentazione necessaria per l’assegnazione dei lavori. Dunque si aspetta che il comune affidi in tempi brevi la direzione lavori e soltanto in seguito si potranno affidare i lavori all’impresa che già è stata individuata. Un iter che si sta allungando negli ultimi giorni, nonostante la scuola Ugo Foscolo non goda di ottima salute ed è diventato impellente e necessario un rammendo alla struttura scolastica.

© Riproduzione Riservata

Commenti