parco dell'etna
Bronte, Parco del Etna

Domenica 29 novembre 2015 la “Giuseppe Maimone Editore” inaugura la II edizione del concorso letterario e artistico “Storie Sotto il Vulcano” con il primo dei numerosi eventi 2015-2016, condividendo un tema di interesse mondiale, e partecipa alla Marcia Globale per il Clima – promossa nel mondo dall’organizzazione Avaaz.org – e invita soprattutto le ragazze, i ragazzi e le scuole a partecipare. L’appuntamento è alle 9.30 in Piazza Vittorio Emanuele – Nicolosi. L’evento è organizzato con il Comune di Nicolosi e il Parco dell’Etna e con il supporto di Zona 3 che curerà l’intrattenimento musicale e realizzerà un reportage video/fotografico, del Liceo Artistico Emilio Greco che curerà l’allestimento artistico e coreografico, e del Liceo “Gulli e Pennisi” – Acireale che si occuperà della sensibilizzazione delle informative legate al tema. Dopo i saluti di benvenuto, alle 10 gli intervenuti marceranno percorrendo poco meno di due chilometri, attraversando via Etnea e via San Nicola per arrivare alla sede del Parco dell’Etna in via Convento, dove ci sarà spazio per gli interventi e le associazioni partecipanti.

Verso le ore 15 l’Associazione “Etna e d’intorni” guiderà i partecipanti a percorrere il “Sentiero della Regina” che nel suo primo tratto di circa 2 chilometri e mezzo congiunge il monastero di San Nicolò La Rena, attuale sede del Parco, con l’odierno monastero Benedettino “Giuseppe Benedetto Dusmet”, anch’esso in territorio di Nicolosi, di fronte ai Monti Rossi, passando dai Tre Altarelli, dalla grotta delle Palombe, dalla pineta dei Monti Rossi. Nel suo complesso, come sottolinea il nome, il “Sentiero della Regina” intende infatti riscoprire e proporre alla fruizione, attraverso un itinerario storico-culturale-naturalistico, gli antichi luoghi che Eleonora percorreva dalla sua residenza estiva, in Contrada Guardia a Malpasso (oggi Belpasso) per giungere al monastero di San Nicolò La Rena, dove soggiornava e pregava insieme ai monaci benedettini e che divenne sempre più importante grazie alla sua presenza. Nel Monastero, oggi sede del Parco, Eleonora D’Angiò morì il 9 agosto 1341.

© Riproduzione Riservata

Commenti