Centro Psico-educativo
Al centro Padre Tonino Tricomi

Nella giornata di giovedì 29 ottobre è stata inaugurata la “Case del cuore”, ovvero i nuovi locali del Centro Psico-educativo per bambini e ragazzi diversamente abili “Cuore di Gesù”, che da sette anni opera nella parrocchia Sacro Cuore di Gesù – Santa Venera di Trappitello. Il tradizionale taglio del nastro è stato preceduto da una tavola rotonda, sapientemente condotta da Angela Maria Vecchio. La tavola rotonda doveva essere aperta dal Direttore della Caritas Diocesana di Messina Lipari Santa Lucia del Mela, Don Giuseppe Brancato, che per improvvisi impegni a Roma non è potuto essere presente, ma ha comunque inviato un suo messaggio di auguri: «A nome della Caritas Diocesana, desidero esprimere viva soddisfazione per l’importante traguardo raggiunto, un traguardo che, ne sono certo, rappresenterà un nuovo punto di partenza per un servizio serio, competente, ecclesiale e pastorale che vede coinvolte, al servizio dei più piccoli e di tante famiglie che con amore li accompagnano nel difficile processo di crescita, qualificate competenze professionali ed il mondo del volontariato. Nell’esprimere ancora una volta il compiacimento per questo servizio socio-pastorale che, da ora, acquista una più specifica fisionomia, … rinnovo gli auguri per un fecondo lavoro al Parroco Padre Tonino Tricomi e a tutti i suoi collaboratori».

L’incontro è proseguito con la testimonianza di Maria Stella Barone, autrice del libro autobiografico “La gioia di esserti madre (Confessioni d’amore di una mamma al suo bimbo “nato” down)”. Maria Stella ha raccontato la sua esperienza, il suo essere madre di un bimbo “nato” down, realtà che, solo dopo aver attraversato un periodo buio e nero, tramite la fede è riuscita ad accettare, «amando suo figlio per quello che è e non per quello che sognava che fosse». La Responsabile del Centro Psico-educativo, dottoressa Francesca Raneri, molto emozionata e a tratti commossa, ha brevemente ricordato la storia passata del Centro, ha illustrato il presente, ed ha spiegato i progetti futuri. Al termine del suo intervento ha presentato il nuovo logo del Centro, pensato da lei e realizzato da Francesca Riccina, che è anche l’esperta del Laboratorio di Ceramica. L’incontro è continuato con i progettisti del nuovo Centro: l’Ing. Sebastiano Mazza e l’Arch. Puglisi Salvatore, che hanno spiegato i lavori che si sono compiuti per arrivare alle nuove sale e alla realizzazione dell’ascensore.

Una sorpresa è stata la partecipazione del Delegato ad Omnia, Mons. Gaetano Tripodo, ex Direttore della Caritas Diocesana, che non ha mai fatto mancare il suo sostegno e la sua presenza nei momenti più importanti di questa realtà. Nel suo intervento Mons. Tripodo ha invitato con voce ferma le realtà politiche e statali a dare un sostegno più incisivo a chi è “diverso”, il privato (in questo caso la Chiesa) non può farsi carico da solo di tutto ciò, ma ha bisogno della collaborazione attiva e fattiva delle istituzioni. A chiudere la tavola rotonda è stato Padre Tonino Tricomi che, emozionato come non mai, ha chiesto alle autorità un aiuto non finanziario, ma in servizi per i cittadini che usufruiscono del Centro: molti ragazzi provengono dai paesi limitrofi e alcuni di loro hanno delle serie difficoltà per raggiungere la struttura. La Cerimonia di Inaugurazione è proseguita con il tradizionale taglio del nastro e la benedizione dei nuovi locali. Questo momento è stato trasmesso in diretta in chiesa attraverso un maxischermo. Subito dopo i tanti intervenuti hanno potuto visitare le stanze. La magnifica serata si è conclusa con un elegante e raffinato rinfresco ed il taglio della torta. Nel corso della serata è stata aperta la sottoscrizione “Un cuore per il Centro”, volta all’acquisto di alcuni strumenti necessari per ben lavorare con i ragazzi; inoltre è stato allestito un mercatino con oggetti realizzati dagli stessi ragazzi e salvadanai di solidarietà.

© Riproduzione Riservata

Commenti