microcredito turistico
Mario Baccini, presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito; Antonio D’Aveni, presidente Consiglio comunale Taormina; Alessandro Cardente, Ente Nazionale per il Microcredito

Alessio Lattuca: «Paradossale che un Paese come il nostro si trovi in una condizione di ritardo culturale» – Nel workshop che si è svolto nella giornata di venerdì presso l’Aula consiliare di Palazzo dei Giurati sula “promozione, promo-commercializzazione e sensibilizzazione di aree di attrazione culturale delle regioni convergenza anche con vie di accesso aeroportuali minori”, è nata un’intesa. Un accordo maturato dopo i lavori che si sono susseguiti per tutta la mattinata. Il comune di Taormina, rappresentato dal presidente del Consiglio comunale Antonio D’Aveni, il dottor Alessio Lattuca, presidente nazionale Confimprese Euromed, e il dottor Alessandro Cardente, Ente Nazionale per il Microcredito, hanno promosso un Protocollo di Taormina in favore, in particolar modo, dello sviluppo giovanile. Il presidente Lattuca afferma che «la proposta è di trattare temi che riguardano il settore agricolo e turistico. Attività interessanti per il futuro dei giovani ed è paradossale che un Paese come il nostro si trovi in una condizione di ritardo culturale».

Alessandro Cardente: «Un luogo come Taormina può ottenere grandi risultati» – «Ho trovato interessanti le tesi esposte da Mario Baccini, presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, e ho lanciato la proposta di creare un Protocollo all’interno del quale ci siano i terreni incolti della Sicilia e una serie di percorsi in favore dello sviluppo giovanile. Abbiamo tracciato le linee di questo Protocollo per trovare una sintesi e promuoverlo proprio a Taormina, dove verrà firmata l’intesa. Si tratta di un atto politico significativo», ha concluso Lattuca. Anche il dottor Alessandro Cardente, che ha voluto ricordare come «durante il seminario il territorio taorminese ha risposto con grande interesse», ha affermato come «lo strumento finanziario di microcredito dà la possibilità a chi non ha la bancalità di veder realizzate le proprie idee. Il microcredito ha una missione, dà l’opportunità sociale di inserimento. Durante il seminario ho elencato alcune attività che possono essere finanziate attraverso lo strumento di microcredito e un luogo come Taormina può ottenere grandi risultati. Per questo motivo con il dottor Alessio Lattuca abbiamo pianificato un Protocollo di Taormina».

Antonio D’Aveni: «Un aiuto per la gente del territorio» – Infine ha espresso la propria soddisfazione anche il presidente del Consiglio comunale di Taormina, Antonio D’Aveni, che ha messo in luce come «questo accordo potrà aiutare le cittadine e i cittadini del territorio che hanno bisogno di liquidità per portare avanti o realizzare i propri progetti».

© Riproduzione Riservata

Commenti