Acqua torbida a Taormina
Acqua torbida a Trappitello

Il M5s Meetup Taormina parla della questione acqua torbida a Trappitello. Gli stellati, dopo aver visionato le analisi biologiche fornite dall’Asp di Messina al comune di Taormina ed essersi confrontati con i rappresentanti del “Comitato Insieme per i nostri Diritti.”, ritengono «che le azioni intraprese da parte delle Istituzioni Comunali non daranno una risposta nell’immediato». I fatti che continuano a preoccupare la salute dei residenti, non sono avvenuti solo in coincidenza di eventi straordinari, fortuiti, imprevedibili o di forza maggiore, ma costituiscono una costante legata a malfunzionamenti degli impianti di approvvigionamento e distribuzione d’acqua dai pozzi “S. Filumena”».

Di fronte a una situazione del genere il Movimento Cinque Stelle, per «le molteplici pronunce relative al caso di specie (somministrazione di acqua torbida e non potabile) emesse, tra tutte, Giudice pace Pordenone 23 giugno 1997, Gpac, 1997, 252; Giudice pace Rocca Sinibalda 20 febbraio 1998, Temirom, 1998, 506 e – Cass. 25 giugno 2002, n. 9240, RFI, 2002, voce Comune, n. 6», chiede al sindaco Eligio Giardina e al Consiglio Comunale «di intraprendere azioni concrete deliberando, al più presto, la sospensione della voce “Importo Consumo Acqua” sulla fatturazione della bolletta per la fornitura dell’acqua potabile». La sospensione che dovrebbe essere attiva dal 9 settembre 2015 fino alla completa risoluzione, da parte degli Enti competenti, dell’inquinamento delle risorse idriche di Trappitello non risolverà la situazione e non restituirà i soldi spesi nell’acquisto di acqua o la riparazione degli elettrodomestici rovinati dai rigurgiti di fango dello scorso mese». Quindi i grillini chiedono «di esentare il contribuente al pagamento di un bene che non sta usufruendo a pieno».

© Riproduzione Riservata

Commenti