Giardini Naxos, scissione in Agorà. Si dimettono 13 componenti
Giardini Naxos, scissione in Agorà. Si dimettono 13 componenti

Ecco la lista completa dei dimissionari – Fulmine a ciel sereno per Agorà 2015. Sembrava ci fosse grande compattezza all’interno della lista civica di Giardini Naxos che era stata la grande sorpresa delle ultime elezioni amministrative, invece è avvenuta una scissione nel movimento. A dimettersi sono stati Giovanni Bucolo, Salvatore Coniglio, Claudia Garufi, Chiara Carmeni, Luisa Ruffo, Franco Lamberto, Loredana Licciardello, Carmelo Anselmi, Roberta Di Carlo, Giuseppe Crimi, Antonio Coniglio, Giovanna Lucanto, Cettina Galeano. «Abbiamo contribuito con le nostre idee e competenze ad un progetto politico che si ispirava al passato ellenico di Giardini Naxos per ricondurre, ai giorni nostri, i principi di democrazia e libertà che furono il baluardo della prima colonia greca di Sicilia. Chi sottoscrive questa dichiarazione ha partecipato attivamente alla costruzione dell’identità del gruppo Agorà, ne ha curato molti aspetti che vanno dalla comunicazione all’ideazione dei “coffee break” che sono stati, per tutti i partecipanti, interessanti momenti di confronto, di dialogo, di riprogrammazione e formazione delle giovani leve politiche».

La rottura è avvenuta sulla formazione del direttivo – Queste ragazze e questi ragazzi hanno deciso di farsi da parte, a quanto pare, dopo divergenze di vedute sulla riorganizzazione direttiva di Agorà 2015: «Molti di noi ritenevano che il collettivo di Agorà avrebbe dovuto continuare la propria azione politica e di rivoluzione culturale dedicandosi principalmente alla formazione ed alla emancipazione dei propri giovani sostenitori. La fine della campagna elettorale è il tempo ideale per iniziare a costruire per il futuro. Nel futuro di Agorà noi abbiamo immaginato un direttivo costituito da giovani volti nuovi della politica giardinese e questa disattesa richiesta insieme ad altre argomentazioni di natura politica costringono alcuni di noi, con grande rammarico, ad abbandonare la lista civica».

Ritorno alle origini – In sostanza i dimissionari non abbandoneranno la politica e il loro impegno per Giardini Naxos, ma torneranno alle origini di Agorà 2015 che si erano ispirate al “Progetto Naxos 734”: «Ciò non significa, ci teniamo a precisare, lasciare l’ “idea Agorà” ma bensì tornare ai principi fondanti di Agorà 2015 che originano e si ispirano al “Progetto Naxos 734” (presentato nell’ottobre 2014 dal movimento artistico e culturale “Sicilia Anno Zero”), un programma di rivoluzione culturale nato dalla esigenza di far riaffezionare i cittadini al proprio paese ed avente il preciso scopo di essere lo sprone, il catalizzatore sociale della città, affinché essa possa tornare protagonista del proprio futuro, affinché essa possa essere governata dall’eccellenza degli abitanti, da quei cittadini responsabili, onesti, emancipati, efficaci e creativi. Quindi intendiamo riprendere il nostro cammino politico da dove era iniziato, sempre con lo stesso entusiasmo e la voglia di fare per la nostra amata città».

© Riproduzione Riservata

Commenti