Democrazia partecipata a Giardini Naxos

La decisione del vicesindaco Carmelo Giardina, che nelle ultime ore ha deciso di rinunciare alla sua indennità di carica, ha spiazzato molti esponenti politici di Giardini Naxos. In sostanza si tratta di circa 10 mila euro per il semestre che va da giugno a dicembre 2015. Ma il vicesindaco della giunta guidata da Nello Lo Turco ha scelto anche di destinare questa somma per un progetto che saranno i cittadini a scegliere nel solco di una vera e propria democrazia partecipata. Le idee sono sei e si potrà scegliere tra riqualificazione dell’area verde nella zona porto (di fronte la statua della Nike); riqualificazione area parco giochi Campo Sportivo; riqualificazione Villetta della Pace (rione Calcarone); donazione a famiglie bisognose; acquisto alberi e piante; acquisto arredo urbano. Una decisione che è stata commentata dall’associazione culturale “Idee in Movimento”. «Avevamo affrontato nelle scorse settimane, su mandato unanime dell’assemblea generale della nostra Associazione, il tema della rinuncia delle indennità da parte dei titolari di incarichi di indirizzo politico-amministrativo. Il modo in cui il vicesindaco Giardina ha deciso di prendere questa decisione, attraverso strumenti di democrazia diretta che stimolano il cittadino a partecipare alla vita amministrativa e lo responsabilizzano sotto certi aspetti, gli fa davvero onore».

«Sono questi i “protagonismi” politici che noi come tanti altri abitanti di Giardini Naxos vorremmo vedere da qui ai prossimi mesi, esempi virtuosi, segnali concreti di una politica che si apre alla collettività facendole capire di essere presente, la carezza delle istituzioni che ne rinforza autorevolezza e legittimità. Auspichiamo che questi segnali, vogliamo anche sottolineare la positiva novità del baratto amministrativo che potrebbe prendere corpo, di netta controtendenza rispetto ad altri emersi nelle scorse settimane, vadano a intensificarsi e servano da pungolo affinché anche altri amministratori si muovano sugli stessi binari. La politica come spirito di servizio e atto di testimonianza sono orizzonti a cui ogni buon amministratore dovrebbe sempre guardare», afferma Giuseppe Leotta, presidente dell’Associazione Culturale “Idee In Movimento”.

© Riproduzione Riservata

Commenti