Amazon
Team di Park Smart a lavoro nel laboratorio IPLab del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania

La bella notizia giunta nella notte – Park Smart ha vinto il concorso “City on a Cloud” – categoria “Partners in Innovation”- promosso da Amazon Web Services. La competizione, promossa a livello mondiale, ha individuato i migliori progetti in ambito Smart City, basati su tecnologie Cloud. Park Smart, grazie alla estrema versatilità della sua configurazione Cloud based e al suo innovativo software di video analisi, è riuscita ad aggiudicarsi questo ambito riconoscimento, confermando ancora una volta le sue potenzialità a livello internazionale. Il premio, consistente in 25 mila dollari di crediti per servizi Cloud, sarà usato per finanziare l’utilizzo delle più avanzate tecnologie Amazon Web Services, potenziando la scalabilità della soluzione Park Smart, così da permettere alla startup siciliana di offrire un servizio di classe Enterprise, sempre più robusto ed efficiente ai propri clienti. Una notizia, quella della vittoria, che è giunta nella notte e il taorminese Giuseppe Patanè, Chief Technology Officer di Park Smart, che ha fatto esperienza presso la Silicon Valley ed è consulente presso l’Università di Catania, non ha nascosto la propria soddisfazione: «Non capita tutti i giorni di esseri i primi in una competizione mondiale indetta da Amazon. Siamo l’unica realtà fuori dal continente americano ad avere vinto».

Park Smart, la sua utilità – Park Smart, come detto in questi mesi, è un servizio finalizzato all’utente, che avrà la possibilità di sapere in qualsiasi momento dove potrà parcheggiare sia nella zona in cui si trova, oppure in luoghi ancora più distanti che verranno monitorati con costanza dal servizio. L’aspetto interessante di questa app è che se l’utente dovesse andare in zone molto trafficate verrà informato che non troverà alcun posto. In più il monitoraggio degli stalli viene realizzato mediante video-analisi, con telecamere piazzate a inquadrare gli stalli si può riconoscere se lo stallo è libero o meno. Gli innovativi algoritmi di video analisi sono realizzati in partnership con l’IPLab (Image Processing Laboratory) del Dipartimento di Matematica e Informatica con la stretta collaborazione dei Professori Sebastiano Battiato e Giovanni Farinella. Un’idea che in questo periodo si è tolta diverse soddisfazioni, ma questa volta è arrivata una notizia oltreoceano che riempie d’orgoglio Giuseppe Patanè, Chief Technology Officer; Carlo Sciuto, Chief Marketing Officer; Pierluigi Buttiglieri, Chief Operations Officer.

La partnership con Amazon Web Services – Dalla terra del “sogno americano” arriva una notizia che rilancia ulteriormente l’originalità e l’utilità di Park Smart. Il mese scorso Park Smart aveva siglato l’accordo di partnership con Amazon (anche se questo aspetto non ha nulla a che vedere con la vittoria del concorso) e nelle ultime settimane Giuseppe Patanè e gli altri avevano avuto modo di incontrarsi con il responsabile Sud Europa di Amazon Web Services, Valter Pasinato, per quanto riguarda i rapporti tra le istituzioni e le amministrazioni. Il responsabile si è innamorato dell’idea e in una settimana ha chiuso l’accordo di partnership con il team di Park Smart, mentre durante la conferenza annuale dell’Anci, Amazon Web Services ha presentato Park Smart come la migliore soluzione per le Smart City sul mercato. «Sapevamo di essere finalisti, ma scoprire di essere vincitori ci riempie di orgoglio. Questo premio ci permetterà di creare attività congiunte con Amazon e si rafforzerà la nostra partnership». Intanto il team di Park Smart non si ferma e nei prossimi giorni partirà per Barcellona, dove si terrà lo Smart City World Expo.

© Riproduzione Riservata

Commenti