startup
Fabio Bruno

Sta per iniziare lo Startup Weekend dello Stretto – Messina, la città del paradosso, il luogo dove da un lato si è alle prese con la scarsa erogazione idrica che sta mettendo in difficoltà la città e sembra aver portato indietro nel tempo la popolazione e dall’altro lato Messina, tra meno di dieci giorni, ospiterà il suo primo Startup Weekend. L’evento è organizzato dall’associazione Startup Messina con il patrocinio dell’Agenzia Nazionale Giovani, è una tre giorni dedicata all’innovazione e all’imprenditoria e si terrà il 13, 14 e 15 novembre nei locali del Dipartimento di Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e Studi Culturali (ex Facoltà di Scienze della Formazione) di Via Concezione 6, Messina. L’evento di apertura avrà inizio alle 14.30 del venerdì mentre alle 17 di domenica è prevista la premiazione finale dei migliori progetti. Tra i membri dell’associazione c’è Fabio Bruno, il quale cura un programma radio che parla di startup. È l’autore e lo speaker e il suo spazio si chiama “Start me up”. Ma al di là di questa esperienza, che ha spinto Fabio a non fermarsi di fronte alle difficoltà, adesso sta per iniziare lo Startup Weekend dello Stretto.

Fabio Bruno: «Un format che permette alle persone di passare dall’idea all’impresa in 54 ore» Un’iniziativa interessante che Fabio ci spiega in maniera chiara: «È un format internazionale che permette alle persone di passare dall’idea all’impresa in 54 ore. Le persone arrivano il venerdì pomeriggio, intorno alle 14.30/15 e da lì si formano dei gruppi su delle idee che verranno esposte al momento. Lavoreranno fino alla domenica mattina quando presenteranno il loro lavoro davanti a un panel di investitori. Nel contempo ci saranno momenti di informazione. Per esempio ci sarà Stelio Verzera, un messinese che gira l’Europa per parlare di concetti di innovazione. Fa parte di questa associazione che ha brevettato il metodo liquido per le aziende». In sostanza non si tratta di «un convegno o un workshop, ma di qualcosa che permette di concentrare le energie sulle idee e quindi è un occasione per lavorare, conoscere gente con un background diverso. Una full immersion che a tanti ha cambiato la vita e spesso si apprende un modo diverso di vedere il proprio lavoro».

«Crediamo che dalla condivisione si possa soltanto crescere» – Un evento che può offrire l’opportunità di ribaltare i propri canoni lavorativi e organizzativi in un contesto dove, come quello di Messina, non è semplice realizzare una startup. «Il vero ostacolo, racconta Fabio Bruno, è buttarsi. C’è una diffidenza di fondo ed è un ostacolo che incontriamo anche come Startup Messina. Le persone non si fidano di chi hanno davanti e con l’associazione proviamo a scardinare questo concetto, perché crediamo che dalla condivisione si possa soltanto crescere. Anche se creare una startup in un contesto come quello di Messina o della sua provincia non è un limite, perché spesso una startup non si rivolge a un mercato locale, ma guarda al mondo».

© Riproduzione Riservata

Commenti