Esponenti del M5s con il preside dell’Istituto
Istituto Livio Tempesta

Continuano le visite degli esponenti del Movimento Cinque Stelle nelle scuole italiane. Ieri è stata la volta dell’Istituto Comprensivo Livio Tempesta di Catania. Dopo l’ennesimo allarme lanciato dai genitori, che da anni denunciano incuria e pessime condizioni igienico-sanitarie, all’interno di una struttura fatiscente, gli onorevoli Giancarlo Cancelleri, Angela Foti e Gianina Ciancio hanno deciso di constatare di persona le cattive condizioni in cui versano i diversi plessi dell’istituto.

Alla presenza del dirigente scolastico Tarcisio Maugeri e di una rappresentanza dei genitori, i deputati siciliani hanno potuto appurare come i problemi strutturali dell’istituto comprensivo, siano di una certa gravità e necessitino di una tempestiva risoluzione. Attraverso l’uso di un rilevatore termico è stata accertata la presenza di infiltrazioni di acqua nel plesso San Giuseppe La Rena, cosi come è stata denunciata la presenza di materiale eternit abbandonato insieme ad altri rifiuti ingombranti nei pressi del plesso Plaia.

Gli onorevoli pentastellati si sono fatti carico di avviare diverse azioni parlamentari, dirette anche all’amministrazione comunale, per capire come si sia arrivati ad un tale stato di degrado e accertare eventuali responsabilità. La priorità sarà cercare di reperire al più presto fondi destinati alla completa ristrutturazione del Plesso San Giuseppe La Rena e far pervenire un arredamento scolastico idoneo. Sarà inoltre necessario far luce sulle condizioni contrattuali previste per l’affidamento del servizio di pulizia degli stabili scolastici, che in questa scuola, frequentata da bambini che vanno dai tre anni in su, sembra quasi inesistente.

Allo stesso tempo diversi genitori si sono resi disponibili ad armarsi di rulli e pennelli per dare colore alla scuola, cercando così di rendere più accogliente e stimolante l’ambiente in cui i propri figli “dovrebbero” diventare dei cittadini consapevoli del domani.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti