Ingresso Palazzo dei Congressi
Ingresso Palazzo dei Congressi

Palazzo dei Congressi e Taormina Arte – Negli ultimi giorni il Palazzo dei Congressi è tornato al centro dell’attenzione mediatica. Dopo il congresso internazionale sulla Numistica, che ha attirato specialisti e appassionati da tutto il mondo, ecco che è stata stipulata una convenzione tra il comune e il Comitato Taormina Arte. In base a questo accordo, confermato da una delibera della giunta municipale del 16 ottobre, Taormina Arte si assume l’onore dell’apertura e della chiusura del Palazzo dei Congressi, garantendo il personale, la custodia, il controllo della struttura, la pulizia degli spazi utilizzati e l’assicuazione di responsabilità civile e l’energia elettrica degli spazi utilizzati. Inoltre si assume l’onore si svolgere il servizio di informazione sulle manifestazioni e sulle iniziative comunali. In base a questa convenzione il comune non avrà nessun onere per il trasloco degli uffici da via del Corso Umberto al 4° piano della struttura congressuale. Invece il comune manterrà l’onere della manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti tecnologici e degli ascensori.

Un convegno della Figc al Palazzo dei Congressi – Taormina Arte, per le attività che andrà a svolgere all’interno del Palazzo dei Congressi e che saranno presenti nel calendario del Comitato, potrà usufruire gratuitamente degli spazi. Un’intesa significativa, ma intanto, nella prima metà del mese di novembre, dovrebbe svolgersi, si attende ancora l’ufficialità, un convegno della Federazione Italiana Giuoco Calcio, dove interverranno esperti del settore e istituzioni regionali. Già, ma il Palazzo dei Congressi è di nuovo funzionale al 100 per cento? Si può dire risolta la questione della sua agibilità? La risposta è negativa. Nonostante i lavori realizzati negli ultimi mesi, come operazioni per risolvere problemi inerenti le varie infiltrazioni, la sostituzione del parquet, degli infissi, delle luminarie, l’impianto antincendio e il ripristino dei servizi elettrici e dei bagni, la strada da percorrere per raggiungere la completa agibilità sembra lunga e tutta in salita.

Constatare lo stato di fatto dell’immobile – Ancora, infatti, devono essere realizzati dei lavori che riguardano, in primis, la cabina elettrica e lo stazionamento delle pompe dell’antincendio. Ma, nonostante tutto, l’agibilità sembra un obiettivo complicato da raggiungere, soprattutto fino a quando gli impianti si troveranno sotto le sale. Il dirigente Giovanni Coco, al quale è stata recentemente confermata dal sindaco Eligio Giardina la gestione tecnica e amministrativa del Palazzo dei Congressi, ha detto che «potranno essere realizzati dei lavori continuativi, ma si dovrebbe constatare lo stato di fatto dell’immobile con i Vigili del Fuoco e un tecnico. Un passaggio necessario per capire cosa si dovrà fare da qui in avanti».

© Riproduzione Riservata

Commenti