Giardini Naxos Bevacqua presenterà una mozione a sostegno del ddl
Danilo Bevacqua, presidente del consiglio comunale di Giardini Naxos

Il ddl dell’Udc – Qualche giorno fa è stato presentato all’Assemblea regionale siciliana il disegno di legge con le “disposizioni per la mitigazione del rischio esondazione ed alluvione ed azioni di rifunzionalizzazione e naturalizzazione dei corsi d’acqua”. È un ddl che nasce dall’iniziativa del vicesegretario regionale dell’Udc, Matteo Francilia, sottoscritto dai deputati Micciché, Turano, La Rocca Ruvolo, Ragusa e Cani, articolato in tre punti. In sostanza il documento punta a modificare la legge del 1991 che impedisce di svuotare i corsi d’acqua. Nel ddl firmato dall’Udc, che dovrebbe essere discusso nei prossimi giorni a Palermo, si mette in luce che «gli eventi calamitosi causati dalle avverse e spesso improvvise condizioni atmosferiche hanno determinato in più parti del territorio regionale ingenti danni a persone e cose, distruggendo e danneggiando conseguentemente anche abitazioni, collegamenti, attività economiche. E che si presenta quindi come una improcrastinabile necessità quella di prevedere azioni che consentano, nel più breve tempo, di intervenire su alcune delle condizioni di dissesto idrogeologico operando proprio sugli alvei dei corsi di acqua allo scopo di rimuovere ostacoli al normale deflusso delle acque, aumentarne la portata ed evitare ove possibile l’esondazione».

Le dichiarazioni dei vertici dell’Udc – A tal proposito il segretario regionale del partito di centro, Gianluca Miccichè, e il vicesegretario Matteo Francilia hanno dichiarato tramite una nota congiunta: «Assistiamo all’ennesima catastrofe, non è la prima ma dobbiamo adoperarci per mettere in sicurezza il territorio. Il nostro ddl prevede azioni che consentano, nel più breve tempo, di intervenire su alcune delle condizioni di dissesto idrogeologico operando proprio sugli alvei dei corsi d’ acqua: in moltissimi casi l’altezza dell’alveo è superiore del livello di piano rispetto a quello dei centri abitati. Il ddl vuole intervenire superando la legge del 1991 che non consentiva di muovere un granello di sabbia. In questa operazione sarà coinvolta l’Arpa che utilizzerà in modo utile e funzionale il materiale estratto e lo riutilizzerà per il rifacimento dei litorali oggetto di fenomeni di erosione, in stretta sinergia con gli uffici del Genio civile competente, intervenendo quindi sulle aree del demanio marittimo regionale senza necessità di alcuna ulteriore autorizzazione ambientale o di consegna delle aree secondo le norme del codice della navigazione e delle norme regionali relative».

La mossa del presidente Bevacqua – In una situazione del genere e dopo i gravi problemi emersi con le piogge che dal 9 settembre hanno segnato il territorio della zona jonica, il presidente del Consiglio comunale di Giardini Naxos, Danilo Bevacqua, ha deciso di firmare una mozione in vista della prossima seduta consiliare che in seguito verrà trasmessa all’Assemblea Regionale Siciliana per accelerare l’iter di approvazione del ddl dell’Udc. È questa la mossa della maggioranza, che proverà a stringere i tempi burocratici e mettere in sicurezza il prima possibile territorio, che con la recente alluvione è stato messo a dura prova.

© Riproduzione Riservata

Commenti