Cateno De Luca, sindaco di Santa Teresa di Riva
Cateno De Luca, sindaco di Santa Teresa di Riva

«Mi vergogno di rappresentare una regione ed uno stato che non si preoccupano di salvare le vite umane dei propri cittadini» – Il consiglio comunale che si è svolto ieri mattina, sul letto del torrente Savoca, aveva l’obiettivo di accendere i riflettori dei media sui problemi del territorio di Santa Teresa di Riva. E così è stato. Il primo cittadino Cateno De Luca, che ha organizzato la singolare seduta consiliare, ha annunciato la sua autosospensione da sindaco di Santa Teresa di Riva per protesta contro l’emergenza del torrente Savoca e ha “impiccato” la sua fascia di sindaco a un cappio legato al ponte sul torrente. «Mi vergogno di rappresentare una regione ed uno stato che non si preoccupano di salvare le vite umane dei propri cittadini. Da tre anni assistiamo alle passerelle di politici e dirigenti regionali che vengono a Santa Teresa di Riva e a Furci Siculo ogni volta che il torrente mette a repentaglio le nostre comunità».

«Tornerò a riprendere la mia fascia quando la mia cittadina e i mie i cittadini saranno al sicuro» – «Io non ci sto più. Non voglio essere complice di uno Stato e di una regione criminale. Non mi macchierò del reato di omicidio colposo. Tornerò a riprendere la mia fascia quando la mia cittadina e i mie i cittadini saranno al sicuro. Se il torrente la lambirà  prima, vuol dire che saremo annegati! Lotterò con tutte le mie forze, fino all’ultimo minuto affinchè questo non avvenga. Io non mi fermo», ha concluso il sindaco Cateno De Luca.

© Riproduzione Riservata

Commenti