Lino Ardito: «Non so chi abbia mai autorizzato simili opere che occludono le aste torrentizie» – Il sopralluogo realizzato nella giornata di ieri sul territorio di Taormina da parte del professore Franco Ortolani, ha visto anche la presenza di Lino Ardito, presidente del Collegio dei geometri della provincia Messina. Il presidente ha visto, insieme ad altri esperti, le criticità del territorio. Certo, non tutte. Per questioni di tempo il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, che ha organizzato questo sopralluogo, ha fatto visionare agli ospiti la Villa comunale, la funivia a Mazzarò, la zona della piscina e Madonna delle Grazie. Le problematiche erano emerse anche negli altri giorni, quando le insistenti piogge avevano mostrato le fragilità di Taormina e delle zone limitrofe. Il pensiero del presidente Ardito, dopo aver visto con i propri occhi la situazione del territorio, va alla presenza antropica che «deve essere giusta, moderata e razionale. Quando, invece, va ad occludere tombini e fa diventare gli alvei dei torrenti strada, c’è qualcosa che non va. È aberrante. Non so chi abbia mai autorizzato simili opere che occludono le aste torrentizie. Se così fosse hanno fatto una violazione alla sicurezza dei cittadini».

«Da taorminese ribadisco la mia totale disponibilità» – Il presidente del Collegio dei geometri della provincia di Messina, inoltre, ha dato la propria disponibilità al territorio di Taormina per risolvere i problemi: «Abbiamo dato la disponibilità qualche anno fa con la redazione del Piano Protezione Civile. Abbiamo una squadra di 400 volontari, siamo stati presenti a L’Aquila e alle Cinque Terre. Da taorminese ribadisco la mia totale disponibilità».

© Riproduzione Riservata

Commenti