Una parte del muretto crollato
Una parte del muretto crollato

La situazione della Villa comunale di Taormina, che nelle ultime settimane ha dovuto fare i conti con un grave crollo che ha interessato una parte del muretto del belvedere, è stata posta sotto la lente d’ingrandimento dai tecnici del comune di Taormina e dal Genio Civile di Messina, il quale è stato sollecitato a vedere di persona le criticità del Parco dal sindaco Eligio Giardina.

Così, ieri mattina, è stata posta l’attenzione sul crollo del muretto e si attende una relazione con la quantificazione del danno. Solo in seguito si capirà come intervenire. È questa la mossa dell’amministrazione dopo le critiche dei due consiglieri comunali del Partito Democratico, Piero Benigni e Graziella Longo, che avevano invitato la giunta ad avere maggiore attenzione nei riguardi della Villa comunale. Graziella Longo, in particolar modo, aveva ricordato che «il parco rappresenta un patrimonio storico per la città, un’attrazione per i turisti. Non può essere lasciato in questo degrado e quello che è successo non si può ricondurre a eventi straordinari. Occorre pensare al futuro per impedire fatti come quelli della Villa». Mentre Piero Benigni aveva proposto di utilizzare una parte della tassa di soggiorno per riconsegnare la Villa al suo antico splendore: «Considerando che quest’anno i turisti hanno dato un grosso contributo con il versamento della tassa di soggiorno, magari il giardino pubblico potrebbe usufruire di una parte dei fondi di questa imposta».

© Riproduzione Riservata

Commenti