Frana A18, lavori in corso per la messa in sicurezza dell'autostrada
Frana A18, lavori in corso per la messa in sicurezza dell'autostrada

Conferenza di servizi a Palermo – Mentre nel tratto autostradale della Messina-Catania, all’altezza di Letojanni, gli operai sono a lavoro per installare una rete di protezione in moda da impedire che la frana invada anche l’altra corsia e renda impossibile il transito dei mezzi, ieri pomeriggio, intorno alle ore 15, si è svolta una Conferenza di servizi a Palermo per affrontare la grave problematica che ha ingessato il trasporto siciliano. Tra i presenti c’erano il presidente della regione Rosario Crocetta, gli assessori Croce e Pizzo, il presidente del Consorzio per le Autostrade Siciliane, Rosario Faraci, il responsabile regionale della Protezione civile, il direttore del Genio civile di Messina e i sindaci di Letojanni, Taormina, Castelmola e altri paesi della fascia jonica. Durante l’incontro il governatore Crocetta ha dichiarato che «il Cas sta operando con una solerzia eccezionale con l’apertura dell’arteria orientale già 32 ore dopo l’evento franoso e affidando per somma urgenza i lavori per la parete occidentale. Si tratta di operazioni di disgaggio, ingabbiamento e contenimento delle pareti rocciose prospicienti l’autostrada per impedire ulteriori movimenti franosi. Si sta procedendo inoltre alla realizzazione di opere di contenimento sul muro lesionato».

Eligio Giardina: «Monitorare con particolare attenzione l’ex passaggio a livello di Mazzeo» – Come detto, tra i presenti c’era anche il primo cittadino di Taormina Eligio Giardina che non ha potuto partecipare alla seduta del Consiglio comunale per l’incontro nel capoluogo siciliano. Nella Conferenza di servizi sono state messe in luce le criticità del momento legate alla frana di Letojanni e quindi alla viabilità. Il sindaco di Taormina, a tal proposito, ha fatto sapere di aver «allegato anche la documentazione del coinvolgimento dell’impianto nord del Consorzio Rete Fognante nella frana e l’impossibilità di accesso per i camion alla struttura». Inoltre il primo cittadino ha ricordato ai presenti che c’è «una zona da monitorare con particolare attenzione,ovvero l’ex passaggio a livello di Mazzeo». «Il mio timore è che tutto venga dimenticato con il trascorrere dei giorni. Per questo motivo è importante insistere sulla problematica e risolvere le criticità», ha detto il sindaco Giardina.

Verso la riunione di lunedì e il rischio di nuovi smottamenti – Intanto nella giornata di lunedì, come ribadito anche dal sindaco di Castelmola, Orlando Russo, ci sarà una riunione operativa e tecnica presso il comune di Letojanni. Saranno presenti i vertici del Cas, il Genio Civile di Messina e la Protezione civile che dovranno mettere nero su bianco un piano operativo per avviare gli interventi da realizzare. Il timore è che possano verificarsi nuovi smottamenti, soprattutto tenendo in considerazione le piogge che nelle prossime ore colpiranno la zona jonica.

© Riproduzione Riservata

Commenti