Lettere al direttore

Gentili signori amministratori,
non vi sarà sfuggito che oltre sei mesi fa, la Regione ha rigettato la Variante proposta l’ha dichiarata irricevibile. Strano e inopportuno il silenzio che si sta tenendo su questa vicenda, si sarebbe aspettato che Lei o il Signor Assessore richiedesse una seduta straordinaria e urgente per esporre sull’accaduto e perché; e al contempo portare a conoscenza la città su ciò che l’esecutivo intende fare in merito, ad esempio proporre una delibera che blocchi ogni successiva attività edile, al di fuori delle ristrutturazioni risanamenti igienico sanitario su tutto il territorio finché non si esiti il nuovo programma Urbanistico.

Ci si chiede, anche, perché non si è disposto un accertamento urbanistico zona per zona, in particolare le zone B e il centro storico.. ponendo un semplice quesito agli uffici: Le leggi Urbanistiche generali e norme di piano concernente le su indicate zone sono rispettate: la densità edilizia è satura, rispettato il rapporto di copertura? È rispettato il rapporto abitante mq . Per abitante? Inoltre visto il proliferare di pratiche DIA e Scia, ci dicono innumerevoli, che congiunte a quelle delle attività produttive fanno grandi numeri, sarebbe opportuno che si vigilasse con maggior accuratezza al fine di evitare sconci difficilmente sanabili, nulla a oggi è stato fatto e il silenzio è ora diventato assordante, foriero di successivi danni, danni che sono ben visibili e che non stiamo qui a citare. La politica, (P maiuscola) si dia una mossa, Taormina non può essere trattata così!

Giuseppe Manuli,
già amministratore di questa città

© Riproduzione Riservata

Commenti