Frana lungo l'autostrada A18
Frana lungo l'autostrada A18

Ore 18, non passa nessuno. Dalla strada statale si vede la frana, le persone si fermano con la macchina per fare qualche foto e postarla sui social network. Arrivando, però, sulla corsia dell’autostrada in questione, si nota che ogni tanto transitano le forze dell’ordine. Qualche ruspa è parcheggiata lungo il tratto dell’autostrada Messina-Catania che è stato chiuso al transito. La frana è lì. Da vicino fa impressione. Ha invaso la carreggiata, ha travolto le recinzioni.

Sopra, come se non bastasse, ci sono quattro abitazioni di un residence alberghiero. Residence che il sindaco di Letojanni, Alessandro Costa, sta provvedendo con un’ordinanza urgente a fare sgomberare per cause di forza maggiore. C’è un silenzio assordante nella zona. È quello della Sicilia ammutolita, sgomenta di fronte a un ennesimo e grave problema. La A18, autostrada percorsa da milioni di veicoli, è stata chiusa nel tratto tra Roccalumera e Giardini Naxos e all’altezza della frana, dove si è staccato il costone roccioso, l’impianto B del Consorzio Rete Fognante del comprensorio di Taormina deve registrare qualche danno. Una frana, infatti, ha procurato qualche problema a una vasca e la strada per raggiungere l’impianto si è ristretta, a causa del corso d’acqua, rendendo impossibile il passaggio ai camion che devono prelevare i fanghi. Danni su danni e poco fa la società Etna Robotix ha fatto un sopralluogo, con tanto di drone, per fare un punto della situazione e trasferire i dati alla Protezione Civile. Intanto domani arriveranno a Letojanni le autorità, con in testa l’assessore regionale Sicilia Territorio e Ambiente, Maurizio Croce.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti