Nico Torrisi, presidente federalberghi sicilia
Nico Torrisi, presidente federalberghi sicilia

Il dramma dei trasporti in Sicilia – La frana che alle prima ore dell’alba ha colpito il tratto autostradale della Catania-Messina, e per essere precisi Letojanni, ha contribuito a dividere ancora di più la regione. Non bastavano i problemi al viadotto Himera, il trasporto ferroviario su un solo binario, il ridimensionamento del trasporto marittimo. Adesso anche la A18 deve fare i conti con nuovi problemi. Il tratto autostradale caratterizzato da continue interruzioni e buche, è stato chiuso tra lo svincolo di Roccalumera e quello di Giardini Naxos. Un disagio enorme per pendolari,viaggiatori e turisti, persone che devono raggiungere l’aeroporto di Fontanarossa di Catania e mezzi di soccorso che devono recarsi all’Ospedale di Taormina. Una situazione critica, che a causa della consistente frana, non si sa quando verrà risolta. Le costanti piogge degli ultimi giorni, a quanto pare, hanno provocato il distaccamento di un costone che si è riversato sulla carreggiata della A18.

Nico Torrisi: «Si sta sgretolando la nostra economica, come le nostre infrastrutture» – Dopo le frane della scorsa settimana, come quella di venerdì 2 ottobre che aveva fatto arrivare sull’autostrada qualche masso, ecco che buona parte del costone si è distaccato. Disagi su disagi, considerando le piccole frane lungo la strada statale 114, percorso alternativo e obbligatorio, in queste ore, per gli automobilisti siciliani. Ormai anche i tir dovranno passare dalla statale e i danni economici rischiano di essere ingenti. Il presidente della Federalberghi Sicilia, Nico Torrisi, ha detto che si tratta di «una vergogna senza fine. Un episodio che colpisce la nostra destinazione più prestigiosa a livello turistico, ovvero Taormina, e inoltre crea disagi a chi deve raggiungere l’aeroporto di Catania. Ormai viviamo in un’isola bloccata da una parte e dall’altra. Ci aspettiamo interventi immediati, perché siamo di fronte a una catastrofe economica e non mi riferisco solo al turismo. In Sicilia, purtroppo, c’è un gup infrastrutturale sempre più grande che coinvolge sia i pendolari che i turisti. Si sta sgretolando la nostra economica, come le nostre infrastrutture».

Italo Mennella: «Preoccupati per la degenerazione degli eventi» – È d’accordo con Nico Torrisi il vicepresidente della Federalberghi Sicilia e presidente dell’associazione albergatori Taormina, Italo Mennella, che ha sottolineato come «ormai, dopo ogni pioggia, subiamo ingenti danni. Nella giornata di oggi, per esempio, alcuni turisti sudamericani hanno rischiato di perdere l’aereo a causa di questa frana. Siamo preoccupati per la degenerazione degli eventi».

© Riproduzione Riservata

Commenti