I peperoncini esposti dai consiglieri di opposizione
I peperoncini esposti dai consiglieri di opposizione

Giovanni Leonardi: «A Trappitello siamo costretti a comprare l’acqua anche per lavarci» – Il Consiglio comunale di ieri sera si è aperto con una protesta dell’opposizione contro la “sfiga” che da alcune settimane a questa parte sembra essersi accanita sulla città di Taormina. Sui banchi della minoranza, infatti, c’erano dei peperoncini che il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, ha fatto rimuovere subito dopo. Diverse le vicende affrontate in Aula. Il consigliere di maggioranza del gruppo “Intesa Democratica”, Giovanni Leonardi, ha parlato della vicenda riguardante l’acqua marrone che esce dai rubinetti di Trappitello e Chianchitta. «Siamo costretti a comprare l’acqua anche per lavarci. Succede ogni volta che piove. Sono a conoscenza che il sindaco e l’assessore Carella sono stati sul posto per capire la situazione, ma l’assessore provveda a valutare la causa del problema. Aspetto delucidazioni dal geologo e suggerisco all’assessore di fare dei bandi di collaborazione con la città».

Nunzio Corvaia: «Avete presentato una delibera di assunzione da 15 mila euro. Siete degli irresponsabili» – Il consigliere comunale del Partito Democratico, Piero Benigni, ha parlato delle questioni riguardanti le scuole e dei crolli nella Villa comunale: «Considerato che questi giorni di inizio anno scolastico sono stati traumatici e la scuola Ugo Foscolo è in uno stato precario, dobbiamo capire quando e se partirà il servizio scuolabus. Dall’assessore ai Lavori Pubblici, inoltre, mi sarei aspettato un cenno sulla Villa comunale. Non c’è una cartellonistica che avvisi cosa sta succedendo e mi auguro che si condivida con i cittadini la soluzione dei problemi». Il consigliere comunale dell’Udc, Nunzio Corvaia, ha parlato della delibera che da l’ok a 15 mila euro di spesa per nuove assunzioni: «L’amministrazione non ha dimostrato buon senso. Dopo la bocciatura da parte della Corte dei Conti, avete presentato una delibera di assunzione da 15 mila euro. Siete degli irresponsabili. I bambini non hanno un parco giochi ed è difficile trovare 1000 euro per pulire un pluviale della palestra comunale?».

Dalla mensa scolastica alle presenze nei centri culturali della città – Il consigliere Corvaia, inoltre, si è soffermato sulle vicende della mensa: «Sulla mensa avete portato i costi al 100 per cento. Un padre di famiglia che guadagna 1000 euro al mese si trova a pagare 450 euro al mese. Non è vero che la legge impone di portare al massimo l’imposta. Dovevate adeguarvi per legge e portarla al 36 per cento, non al 100 per cento». Qualche parola è stata spesa anche per la tassa di soggiorno: «Con la tassa di soggiorno si paga il personale per la differenziata, biblioteca, servizio affissioni, villa comunale. La usano per fare 17 assunzioni». E infine si è soffermato sui numeri delle presenze nei musei e nei luoghi storici della città diramati in questi giorni: «La Fondazione Mazzullo ha fatto registrare 120 mila presenze! Ma se quella di Van Gogh a Verona ne ha fatte 110 mila presenze? Dovete scrivere dei dati corretti. Siete spregiudicati nel modo di gestire la cosa pubblica».

Graziella Longo: «Vogliamo un riscontro sulla Casa di Riposo» – Il consigliere del Pd, Graziella Longo, ha parlato della Casa di Riposo: «Ricordo all’assessore Mario D’Agostino che c’è una richiesta da due mesi sulla Casa di Riposo. Vogliamo un riscontro. Occorre valorizzare i bambini, gli anziani e iniziamo a fare un po’ di cultura dai piccoli». Il presidente del Consiglio comunale, Antonio D’Aveni, ha ribadito che «l’interrogazione urgente presentata dai consiglieri Pd sugli ex locali del Tout Va deve essere letta in presenza del sindaco» e quindi verrà discussa nella prossima seduta consiliare». Invece Pinuccio Composto, consigliere comunale d’opposizione, ha detto che «la scopertura di cassa è grave. Siamo arrivati a 4 milioni di scopertura bancaria. Sulla Casa di Riposo dicono che la situazione sta deteriorando. Ma qual è il vero problema? Siamo in regime di prorogatio da un anno e mezzo. Il bando è scaduto nel 2014».

© Riproduzione Riservata

Commenti