Si avvicina la mostra multimediale ‘Lello Chiaia Il Viandante’ che si terrà nell’ex chiesa del Carmine a Taormina dal 17 al 31 ottobre. «Questo evento – ha anticipato Maria Siponta Fini (Dina), ideatrice e curatrice della mostra – è un progetto corale, reso possibile grazie alla collaborazione di tantissimi amici miei e di Lello che hanno donato, oggi come ieri, il loro tempo e i loro lavori fotografici, la consulenza professionale, la condivisione prima ancora che con la testa, con il cuore. Questa è stata una ulteriore occasione per rinsaldare rapporti, ricordare i tantissimi momenti vissuti insieme e rendere omaggio ad un uomo unico e dai forti ideali mai barattati con altro. Ho avvertito una vicinanza sia nella fase progettuale che nella realizzazione pratica che ha consentito per tanti versi la possibilità di concretizzare il mio progetto a due anni dalla scomparsa di Lello. E così nel capitolo fotografico relativo a Taormina ci sono gli scatti fotografici di Orso, Alessandro Selgi e Antonio De Simone. Altri scatti fotografici arricchiscono il capitolo riservato a Berlino, con le foto di Michele Tansella, in arte Tans. Due i professionisti che hanno insieme a me selezionato i vari materiali da esporre e trasmettere. A Bari sono stata coadiuvata da Daniele Mauro e a Taormina da Alice De Gaetani che ha curato le realizzazioni grafiche della mostra. Indispensabile la logistica tecnica dell’evento, curata da Shine Records di Ragusa, grazie all’amicizia che mi lega a Vera Sorrentino, punta di diamante della Shine Records insieme a Giovanni Dall’O’. Vera, che realizzerà anche il montaggio dei video di Lello da trasmettere in loop sui monitor all’interno della mostra, ha un legame particolare a questo evento, avendo avuto un forte rapporto di amicizia con Lello, rinvigorito nei periodi trascorsi a Taormina. Un grazie di cuore, per il sostanziale aiuto professionale, al giornalista di Rai Basilicata Rino Cardone che mi ha aiutato nella selezione di buona parte dell’archivio che sarà oggetto della mostra».

In questi due anni, propedeutici per l’allestimento di questo evento, sono stati tantissimi i sostenitori che a vario titolo hanno contribuito al progetto che si avvale del patrocinio gratuito del comune di Taormina, del sostegno della Fondazione Mazzullo e della sponsorizzazione dell’azienda Icm. «Ogni tassello che si è aggiunto – ha concluso Dina – ha dato forza e vigore ad un’idea scaturita dal bisogno di condividere la vita di un uomo amato e ritenuto punto di riferimento. La mole di produzioni in video e fotografiche raccolte in quasi una vita, tra esperienze e viaggi, avevano bisogno di venire fuori da scatole, cassetti e computer per essere una testimonianza concreta e un ricordo indelebile che ciascuno di noi, a vario titolo, porta con sé nel cuore. La mostra Il Viandante è un concentrato di emozioni e storie che hanno attraversato paesi e luoghi, tornando sempre alle origini».

© Riproduzione Riservata

Commenti