Oggi, venerdi 25 settembre, in occasione dell’anno mondiale della luce,  il liceo Caminiti di Giardini Naxos, in collaborazione con Naxoslegge,  l’Università degli studi di Messina e il COP e il CNR-IPCF di Messina, che sono i partner istituzionali del festival, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, organizzano l’evento “La luce delle culture”.

L’evento, che si svolgerà, presso i locali del liceo di Giardini Naxos, prevede, nella prima parte della mattinata, un seminario interdisciplinare sul tema della Luce, che da il titolo anche all’intera V edizione di Naxoslegge, “La luce è come l’acqua”. Interverranno i proff.  Alessio Plebe, Fausto Puntoniero e Rosalba Saija dell’Università di Messina e la dott.ssa Antonella Iati’ del CNR-IPCF di Messina. A seguire e per tutto il corso della giornata, fino alle 18.00, sarà la volta di  “Facciamo luce sul futuro”,  un percorso di orientamento universitario, aperto agli studenti, a cui prendono parte numerosi dipartimenti della università di Messina che predisporranno dei laboratori di orientamento.

Il liceo Caminiti, per un giorno, si trasformerà in un vero salone dell’orientamento, offrendo, grazie alla disponibilità del COP, Centro di orientamento e Placement della Università di Messina, e all’Università tutta, un servizio fondamentale ai giovani. Sarà allestito il COP provvederà ad allestire anche un desk per spiegare i percorsi di immatricolazione e per chiarimenti sui servizi che l’Università offre, cosa fondamentale per illuminare la strada formativa dei ragazzi.
Sarà basilare anche il workshop,offerto in parallelo ai docenti orientatori delle scuole, con un intervento promosso direttamente dal Ministero.

I ragazzi del Caminiti sono l’orgoglio della dirigente scolastica, la dott.ssa Maria Carmela Lipari, e inorgogliscono anche l’intera comunità di Giardini Naxos. Questo evento, come  tanti altri, molti dei quali inseriti anche nel programma di Naxoslegge, si conferma punto di riferimento formativo e culturale del territorio, perché certe iniziative sono in grado di creare reti virtuose e sinergie, che conducono ad un vero  ampliamento dell’offerta formativa. Un reale avanzamento della cultura scolastica e di dinamiche didattiche costruttive può crescere solo nell’unione tra la competenza e l’entusiasmo dei docenti, la disponibilità e la capacità operativa del  personale ATA, ma soprattutto attraverso la collaborazione degli studenti e delle famiglie.

© Riproduzione Riservata

Commenti