Preoccupazione per l’immediato futuro – Il consigliere comunale del Partito Democratico, Piero Benigni, in Consiglio comunale ha parlato delle vicende legate ai Salesiani e ai Maristi. Dopo la celebrazione eucaristica in cui la comunità di Taormina ha salutato le congregazioni tra lacrime e speranza, l’esponente del Pd ha espresso le preoccupazioni del suo gruppo per i ragazzi del luogo e gli spazi di cui avranno bisogno per le loro attività. A tal proposito, come ricordato da Benigni, il sindaco nel Duomo ha fatto una promessa ben precisa: «Come sindaco mi impegno per non vanificare tutti i loro sforzi. È una responsabilità importante dare a Monsignor Carmelo Lupò uno spazio adeguato, un punto di aggregazione per i nostri giovani». Parole che lasciano ben sperare, ma dopo dovranno seguire i fatti. Anzi, devono perché il tempo incalza e la vicenda non può essere rimandata.

«Non sapremo quale sarà il futuro delle aule dei Fratelli Maristi e la mia preoccupazione è legata a questo problema sociale» – È di questo avviso anche il consigliere comunale Piero Benigni, il quale ha ricordato all’Aula di Palazzo dei Giurati che non possono essere lasciati soli i ragazzi di Taormina: «La mia preoccupazione, ha dichiarato Benigni, è per quello che succederà da domani in poi. Essendo padre di due ragazzi, ricordo a me stesso e agli altri che non possiamo abbandonare al loro destino i giovani. Non sapremo quale sarà il futuro delle aule dei Fratelli Maristi e la mia preoccupazione è legata a questo problema sociale. Altre preoccupazioni, ha concluso Benigni, sono legate all’Ospedale di Taormina a seguito degli ultimi eventi inerenti l’Utic e il reparto di emodinamica, per non parlare del Pronto Soccorso. Non riusciamo a capire per quale motivo l’Ospedale debba essere depotenziato».

© Riproduzione Riservata

Commenti