Il presidente Rosario Crocetta e il sindaco Eligio Giardina al Teatro Antico - Foto Ernesto De Luna / blogTAORMINA (C)2015

Verso la giunta deliberativa del 14 settembre – La giunta regionale che si svolgerà a Taormina è ormai vicina. Lunedì 14 settembre il governo siciliano presieduto dal governatore Rosario Crocetta, effettuerà una giunta deliberativa presso Palazzo Corvaja. In vista di questo incontro storico, il primo cittadino della Perla dello Jonio, nei prossimi giorni, si recherà a Palermo per parlare con il presidente Crocetta e comunicargli alcuni punti da affrontare durante la riunione di giunta. Nelle ultime ore Eligio Giardina sta mettendo a punto una lista di argomenti da discutere. Tra le tematiche dovrebbero esserci la nascita della Fondazione Taormina Arte, l’Aro singola, le questioni dell’Ospedale del comprensorio e la programmazione turistica. Staremo a vedere quali vicende verranno affrontate e discusse, ma soprattutto se verranno prese delle decisioni concrete sui problemi che il sindaco Giardina vorrà discutere nella giunta regionale. Un argomento delicato sarà proprio Taormina Arte e il passaggio da Comitato a Fondazione che ormai si trascina da oltre quindici anni tra continue promesse e annunci politici.

Da Taormina Arte alla sanità locale – Già, ma adesso perché dovrebbe essere la volta buona? Al momento le parti chiamate in causa si sono impantanate sul patrimonio da concedere alla futura Fondazione. Una vicenda che si sta spostando di Consiglio comunale in Consiglio comunale a Taormina, mentre a Messina sembra che ci siano delle divisioni sul bene immobile da conferire. Invece la regione dovrebbe concedere la gestione in uso del Teatro greco in periodi congrui, in modo da garantire l’attività della Fondazione. Senza la soluzione della vicenda patrimoniale, è chiaro che non si potrà andare avanti e creare, finalmente, la Fondazione Taormina Arte. Altro tema molto sentito in città e in tutta la Sicilia è quella inerente la sanità. I tagli annunciati dalla regione e le recenti dichiarazioni dell’assessore democratico Baldo Gucciardi, hanno messo in fibrillazione il Centro Cardiologico Pediatrico Mediterraneo Bambin Gesù di Taormina. A quanto pare dovrebbe essere redatta una nuova convenzione, anche se è stata ipotizzata la chiusura del Centro e il suo eventuale spostamento a Palermo.

Aro singola e programmazione turistica – Poi ci sono le vicende del Pronto Soccorso, che ormai da mesi deve sopperire alla chiusura del Pronto Soccorso di Giarre. Una situazione insopportabile per il personale del nosocomio e per i pazienti, costretti ad attese estenuanti. Infine si parlerà dell’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica dell’Ospedale di Taormina e del reparto di Emodinamica. Si era ipotizzata una chiusura di questi centri di eccellenza, ma nell’incontro avvenuto tra il sindaco di Taormina e il dirigente dell’Asp 5 di Messina, Gaetano Sirna, è emerso che questo settore non verrà soppresso. L’unico ridimensionamento, a quanto pare, riguarderà, come successo nell’ultimo periodo, la diminuzione del personale infermieristico. Un altro argomento che dovrebbe essere affrontato nella riunione di giunta sarà quello dell’Aro singola di Taormina. Il 10 agosto il dipartimento regionale dell’Acqua e dei Rifiuti aveva approvato il Piano di intervento per l’organizzazione e la gestione del servizio di pulizia e trasporto dei rifiuti urbani nell’Aro. In sostanza il piano presentato dal comune di Taormina e seguito in prima persona dall’ex assessore Antonio Lo Monaco, è stato accettato dalla regione. In attesa che verrà bandita la gara entro il 31 dicembre, l’amministrazione comunale vorrà confrontarsi con la regione per i prossimi passi da compiere in vista della gestione in house dei rifiuti. La presenza dell’assessore al Turismo, Cleo Li Calzi, permetterà di parlare anche di questo settore vitale per l’economia di Taormina. L’imperativo categorico è progettare in vista dei prossimi anni, mentre si dovrà capire se, in attesa del Giubileo straordinario, la città riuscirà a intercettare quel segmento chiamato “turismo religioso”.

© Riproduzione Riservata

Commenti