Il Gal Peloritani, Terre dei Miti e della Bellezza, sarà protagonista nel cluster Bio-Mediterraneo ad Expo Milano 2015 nella settima prossima, dal 24 agosto al 30 agosto. «Si tratta di una settima all’insegna delle tradizioni popolari, delle eccellenze eno-gastronomiche, della storia e del fascino, dei 44 comuni del territorio del Gal», ha dichiarato il Presidente del Gal Giuseppe Lombardo. Si è cercato di sintetizzare al massimo le varie eccellenze. Partendo dai miti e dalle bellezze, l’intera settimana sarà caratterizzata dalla presenza dei tre dei più importanti artisti del comprensorio dei Peloritani: Nino Ucchino, Filippo Andronico e Licino Fazio che con le loro opere più rappresentative testimonieranno la bellezza artistica, in particolare con la presenza fisica della scultura “La Piramide con gli zoccoli”, di Nino Ucchino, testimonianza con l’Asino, quale eroe millenario della civiltà contadina, del lavoro e della cultura dei popoli, e con le stampe delle opere più significative degli artisti Filippo Andronico e Licino Fazio.

Dall’arte, alle tradizioni popolari e antichi mestieri, idea forza del nostro Psl ( Piano di Sviluppo Locale), rappresentate dalla Compagnia Sikilia di Cettina Sciacca, il passo è breve: in tre diversi spettacoli, la compagnia popolare più importante del territorio del Gal, con “La vita dei campi e le tradizioni agricole dei campi”, “Le tradizioni della pesca delle riviere jonica e tirrenica” e “Balli e costumi tipici del medioevo”, metterà in scena il meglio delle tradizioni e della storia locale. Le giornate di partecipazione saranno scandite inoltre da tre momenti più importanti. La mattina con la Colazione Mediterranea a cura del Gal Peloritani, con i prodotti delle Aziende di Ferrara Rosario, Ferrara Artale Natura con il miele e l’Azienda Fagruminda con le marmellate. Il pranzo con gli Show Cooking curati dallo Chef, Salvatore Muscolino, duranti i quali saranno presentati in tre giorni tre piatti diversi: Conchiglie siciliane con mousse di gamberi e limone interdonato (conchiglie, gamberi di nassa dello jonio, limone interdonato). Fagottini di spada messinese, con pane siciliano croccante in salsa limone interdonato, ( Pesce spada a filetti, pane a cubetti croccante con patè di olive, capperi e limone interdonato). Tartara di tonno con pepe verde e capperi in salsa di limone interdonato, (Tonno, pepe verde, capperi e salsa di limone interdonato ).

>Nel tardo pomeriggio con i Sommelier Francesco Famà e Giole Micali, insieme ai titolari dell’Azienda Vasari di Santa Lucia del Mela (Mamertino), della Cantina Giostra Reitano (Faro Doc) e all’Azienda Arizzi Vini di Mandanici, faranno assaporare durante gli Speak Easy le eccellenti qualità dei vini Doc del territorio del Gal. Il tutto intervallato durante i pomeriggi con la Rubrica “Peloritani: Racconti e ricette della nonna”. La programmazione dell’intera settimana si concluderà con la presentazione dell’evento di chiusura a cura della RistorSeve di Santa Teresa di Riva di Severino Bucalo, di concerto con la società Creativa s.r.l. di Torino, durante il quale saranno preparati e presentati dallo Chef Muscolino Salvatore, l’arancino con ragù o melanzane e ricotta al forno, il pasticciere/chef Giuseppe Zito si occuperà per la composizione e degustazione della mitica pignolata messinese (Limone interdonato e cioccolato) e infine lo Chef che si occuperà della produzione della granita al limone verdello, che poi verrà distribuita con il classico carrettino con i personaggi siciliani. «Insomma, ha concluso Giuseppe Lombardo, è una missione all’insegna delle tradizioni popolai e degli antichi mestieri, delle eccellenze eno-gastronomiche e delle bellezze artistiche e paesaggistiche, che saranno sintetizzati durante l’intera settimana con la proiezione del video documentario nel quale saranno presentati le sette Valli dei Peloritani con le proprie eccellenze agro alimentari (Limone Interdonato Igp, vino Faro Doc, vino Mamertino Doc, formaggio Maiorchino di Novara di Sicilia presidio Slow Food e l’olio Valdemone Dop) e con la storia e il fascino dei 44 comuni del Gal.

© Riproduzione Riservata

Commenti