La vicenda del Pronto soccorso non è stata risolta. Le persone che si affidano alle cure della struttura ospedaliera di Taormina sono tante, perché, come ripetuto diverse volte, non sono soltanto cittadini del comprensorio, ma anche di Messina e di una parte della provincia di Catania. Un vero guaio per i medici del Pronto soccorso, i quali devono risolvere sia i problemi medici che quelli temporali, considerando che è necessario curare tutte le persone che arrivano al nosocomio. Di fronte a una situazione così delicata, l’Asd MotoClub Centauromenium non demorde e dopo la manifestazione organizzata il 25 luglio per sensibilizzare la cittadinanza e la dirigenza medica in merito alle problematiche dovute «alla carenza di personale che il Pronto soccorso si trova attualmente a dover fronteggiare, con tutti i conseguenti disagi per l’utenza», ha in programma altre azioni di protesta. Però, occorre ricordare, che durante la manifestazione del 25 luglio erano presenti il consigliere comunale Graziella Longo, esponente del Partito Democratico di Taormina, Chiara Rozzi, Nicola Salerno, Giuseppe D’Angelo e Rosario Puglia del Movimento Cinque Stelle di Taormina, Claudio Mascali e Christian Coslovi, Fabiana Ferrara, Agata Giannino, Daniele Saglimbeni e Giuseppe Leotta dell’Associazione “Idee in movimento”, Salvo Spartà del Movimento Cinque Stelle di Giardini Naxos”, Giovanni Saglimbeni dell’Associazione Mediterraneo di Giardini Naxos.

Così, dopo quella manifestazione, il presidente di Asd MotoClub Centauromenium, Salvatore Di Maria, ha annunciato che chiederà un incontro al direttore sanitario dell’ospedale di Taormina e al primario del Pronto soccorso Mauro Passalacqua. L’obiettivo è informarsi in merito alla questione e sapere se il problema è stato portato all’attenzione di chi di dovere, offrendo un eventuale aiuto dell’associazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti