La Sicilia e il racconto della vita e degli scorci naturali – La Sicilia è una di quelle regioni italiane dove il sole sembra mostrarsi in maniera diversa. “Picchia come un assassino”, cantava Lucio Dalla, e oltre a questa caratteristica riesce a illuminare con unicità tutto ciò che caratterizza l’isola del Mediterraneo. Questa particolarità, che poi va a sintetizzare l’essenza della Sicilia, è il tema della mostra “L’isola a colori vista da Giovanni Franco. Viaggio fotografico in Sicilia”. Il giornalista dell’Ansa, dal 16 al 26 luglio, esporrà nel Castello del Museo di Mola, all’interno della Rassegna di arte e cultura “Luci e miti”, diversi scatti fotografici. La mostra, curata da Milena Romeo e Giuseppe Filistad, con il contributo critico di Enzo D’Antona ed Evelina Santangelo, sarà inaugurata il 16 luglio alle ore 18.30. Si tratta di fotogrammi, realizzati in digitale con la reflex, che hanno come filo conduttore il racconto della vita e degli scorci naturali.

Non è la solita Sicilia in bianco e nero – Giovanni Franco riesce a mettere insieme il colore e la composizione. Il tutto viene organizzato in maniera cinematografica e fare cinema in Sicilia, Sciascia docet mentre parlava con Giuseppe Tornatore, è qualcosa che attira l’interesse delle persone. Così anche le foto del giornalista dell’Ansa hanno colpito nel segno, perché narrano la quotidianità di questa terra senza inciampare nelle banalità. I colori, in particolar modo, riescono a porre l’attenzione su aspetti che solo chi è siciliano può comprendere, mentre gli altri, di solito, non li notano e tendono a vedere questa isola in bianco e nero. Bene, gli scatti di Giovanni Franco hanno il merito di illuminare la Sicilia sotto alcuni punti di vista che fanno emergere l’umanità dell’isola del Mediterraneo. Natura, tradizione e desiderio di libertà, che si rispecchia nel blu del mare, sono gli aspetti che emergono dalle fotografie di Giovanni Franco.

Al di là del solito concetto di bello da cartolina – Il giornalista è riuscito a scorgere la bellezza di questa terra. Già, sembrerebbe qualcosa di scontato e di ovvio. Ma non si tratta del bello che, spesso e volentieri, notiamo nelle cartoline che compriamo nei negozi di souvenir. In realtà è qualcosa di più profondo che tocca l’anima della Sicilia, la sfiora con una macchina fotografica in grado di mescolare colori, intuito e spontaneità. Da Castelmola e dal suo castello, dove il panorama è di quelli che ti mettono in armonia con il resto del mondo, è particolare, unico, gustarsi questa mostra che rappresenta il bagaglio del viaggio di Giovanni Franco in giro per la Sicilia. Una valigia non molto pesante, ma carica di emozioni, sentimenti, sensazioni e di una reflex che è riuscita a immortalare i vari profili colorati della Sicilia.

© Riproduzione Riservata

Commenti