La TaoClass con Rosario Dawson
La TaoClass con Rosario Dawson

Nella giornata di ieri, al Taormina Film Festival, è stato dedicato un ampio spazio alle tematiche sociali che si intrecciano con le star del cinema. Nella Perla dello Jonio è arrivata la bella Rosario Dawson, che insieme all’esperta di moda Abrima Erwiah ha raccontato il progetto, “Studio One Eighty Nine”, impresa sociale che “utilizza” la moda come agente di cambiamento sociale creando opportunità di lavoro e valorizzazione per le donne. Al Festival di Taormina Rosario Dawson e Abrima Erwiah hanno ricevuto l’Humanitarian Taormina Award e hanno presentato alcuni abiti realizzati dalle “loro” donne in favore della Sierra Leone.

Nata a New York, frequenta una scuola alternativa nel downtown di Manhattan. Ma da lì a breve la sua vita cambierà quando un talent scout le offrirà un ingaggio nel mondo del cinema. La svolta vera e propria, però, arriva nel 2002 quando interpreta la fidanzata di Edward Norton in “La 25esima ora”. Due anni più tardi, invece, è protagonista in “Alexander” di Oliver Stone. È celebre anche per aver indossato i panni provocanti della sanguinaria killer di “Sin City”. Nella serata di ieri, dopo l’incontro tenuto al Palazzo dei Congressi, Rosario Dawson si è spostata a Palazzo Corvaja dove ha visitato la mostra di Gian Paolo Barbieri, ovvero uno dei migliori fotografi di moda internazionali. Barbieri, con un gusto estetico sublime, può vantare di mostre delle sue fotografie al Victoria and Albert Museum di Londra, al Kunstforum di Vienna e alla National Portrait Gallery di Londra. La selezione delle immagini è principalmente consacrata alla moda e ai suoi protagonisti e il percorso espositivo abbraccia oltre quaranta anni di fotografia nei quali la teatralità dei suoi set ha fatto di Barbieri uno degli interpreti prediletti del Made in Italy, da Valentino ad Armani, da Missoni a Versace, da Ferré a Dolce&Gabbana.

© Riproduzione Riservata

Commenti