Mabel Hill
Nella foto Miss Mabel è la prima a sinistra seduta dopo il padre

Una famiglia inglese che ha un posto d’onore nella ricca storia di Taormina è quella di Sir Edward e Lady Hill. Nel 1898 Sir Edward, membro del parlamento per il partito conservatore e ricco armatore gallese, giunge a Taormina e compra una proprietà conosciuta come Castello Santa Catarina, ex convento dei Frati minori osservanti di San Francesco con annessa cappella dedicata a Santa Maria di Gesù Redentore. Lo scopo e di trasformare l’intera proprietà in un albergo, di fatto, gli Hill ne fanno la loro abitazione privata per molti anni, mettendo a disposizione di tutta la comunità protestante la loro cappella privata per i servizi domenicali. In seguito Sir Edward comprerà una proprietà e farà costruire dall’architetto Inigo Triggs, suo genero, la Chiesa dedicata a Saint George sita ancora oggi in Via Luigi Pirandello. Gli Hill vengono raggiunti presto dalla loro primogenita, Mabel Frances, che finiti gli studi e animata da un forte senso umanitario appena giunta a Taormina, notata la povertà in cui vivevano molte famiglie, fonda prima una scuola di ricamo e merletti per ragazze, denominata appunto Miss Hill’s School of Lace, e poi apre una scuola tecnica per ragazzi. La scuola di ricamo ha iniziato una tradizione di artigianato di pregio internazionale durata per molti anni a Taormina, in particolare per le tecniche tipiche del drawn work, punto ago e punto croce ma anche per la tecnica tradizionale e antica dello sfilato siciliano.

Illuminata filantropa, amante della musica, giovane donna dai modi semplici e diretti, Miss Mabel Hill si attiva sin dal suo arrivo per diffondere le bellezze di Taormina e dei dintorni, che amava scoprire da sola o insieme all’amica Mrs Grandmont, all’estero attraverso il club “Friends of Sicily” che aveva sede a Londra. La signorina inglese, così la chiamavano molti taorminesi, era anche anche un’attiva donna d’affari: fu proprio lei a impiantare nella spiaggia dell’Isola Bella il primo stabilimento balneare di Taormina con annessa pineta e bungalov. Il 1908 e il tragico teremoto vede Miss Mabel Hill in prima fila nell’ assistenza dei terremotati di Messina, accoglierà nella sua Scuola di Beneficienza ben venticinque ragazze scampate al disastro. Dobbiamo dire grazie a lei se i Salesiani sono giunti in città nel 1911 con un centro oratorio per ragazzi e grazie alla sua fitta corrispondenza con Maria della Passione se le Misionarie Francescane di Maria giungono a Taormina nel 1903. A suo ricordo situato all’inizio dell’accorciatoia di Madonna delle Grazie che collega Villagonia a Taormina, Miss Mabel Hill ha lasciato il piccolo monumento in pietra di Siracusa che ha la forma di un Tempietto greco con un bassorilievo raffigurante Gesù Cristo attorniato da bambini e nel basamento in pietra di Taormina c’è incisa la famosa frase evangelica “Lasciate i fanciulli e non impedite loro di venire a me”; sulla parte posteriore di questo tempietto c’è una lapide dedicatoria con l’epigrafe: “Ricordo della Sig.na M.Hill 1908″. Miss Mabel Frances Hill dopo aver prestato il suo servizio come crocerossina durante la prima guerra mondiale tornerà in Inghilterra a trascorrere gli ultimi anni della sua vita dedicata interamente agli altri.

© Riproduzione Riservata

Commenti