La trasmissione “Ballarò” ha spento le sue luci su Taormina, ma non si placano le polemiche dopo il collegamento che si è svolto ieri da piazza IX Aprile. Le parole del presidente Confindustria alberghi, Sebastiano De Luca, hanno lasciato il segno. L’albergatore ha parlato delle difficoltà degli alberghi locali, costretti a subire anche l’aumento della tassa di soggiorno. Dichiarazioni rilasciate in un contesto in cui si parlava dei diritti dei lavoratori del settore turistico. Affermazioni che hanno lasciato perplesso, per usare un eufemismo, l’assessore all’Urbanistica Gaetano Carella.

L’esponente della giunta Giardina ha detto che «gli albergatori che vanno in piazza a rilasciare dichiarazioni, dovrebbero ricordarsi prima di pagare ciò che devono». È giusto ricordare che i comuni, al giorno d’oggi e nel contesto economico e finanziario di questi anni, trovano sostentamento dall’imposta di soggiorno. In realtà – ha aggiunto l’assessore di Taormina – servirebbe fare un serio programma per la destagionalizzazione. Tutte le parti interessate dovrebbero sedersi intorno a un tavolo per creare le basi per un turismo che funzioni dodici mesi l’anno. Se si collabora si può risollevare la città di Taormina e dare uno stipendio ai lavoratori che non arrivano a fine mese».

© Riproduzione Riservata

Commenti