Onorevole Pippo Currenti - Foto Andrea Jakomin/blogTAORMINA ©2015

L’interrogazione urgente di “Sicilia Democratica” – La vicenda Taormina Arte anima il dibattito anche all’Assemblea Regionale Siciliana. Il gruppo “Sicilia Democratica” ha presentato un’interrogazione urgente in cui chiede di considerare e riconoscere l’importanza strategica di Taormina Arte, «prevedendo adeguate risorse nel bilancio regionale». Il gruppo politico che fa riferimento a Lino Leanza e Pippo Currenti, sostiene la necessità di uno «sforzo per favorire la creazione di impresa e supportare i territori di questa regione, già sottoposti a forti stress dovuti a ormai troppo lunghi e cronicizzati periodi di crisi, con misure di semplificazione normativa e interventi di formazione all’imprenditorialità, oltre a sostenere il sistema produttivo sul versante dell’innovazione, dell’internazionalizzazione, della crescita dimensionale, dell’accesso al credito e del microcredito». Nell’interrogazione urgente si parla di spendere risorse adeguate per la cultura e quindi il riferimento a Taormina Arte è d’obbligo: «Taormina Arte ha avuto un ruolo strategico nel versante del turismo e dello sviluppo socio-culturale della zona Ionica, facendo ben comprendere che la crescita e la capacità di concorrenza sui mercati nazionali e internazionali può essere affrontata e vinta solo se i singoli territori specializzano la loro offerta, distinguendola da quella dei loro competitori, attraverso una diversa e innovativa combinazione dei “fattori produttivi locali” capace di dare luogo a nuovi prodotti a più alto valore aggiunto».

«Stanziare altri 700 mila euro, altrimenti non si andrà da nessuna parte» – L’onorevole Pippo Currenti, membro della Commissione Bilancio e Programmazione dell’Ars, ha precisato che Taormina Arte è una struttura fondamentale per l’economia del territorio: «Senza Taormina Arte l’economia del territorio verrebbe penalizzata. Spero che si recuperino più risorse possibili». L’esponente politico di “Sicilia democratica”, inoltre, ha ricordato l’importanza di stanziare cifre sostanziose per Taormina Arte al fine di organizzare una seria programmazione: «Di recente è stata proposta dalla giunta una cifra e verrà discussa in Commissione nei prossimi giorni. Certo, si tratta di risorse che non possono risolvere il problema di Taormina Arte. Però la mia intenzione, insieme a “Sicilia Democratica”, è conferire una cifra sostanziosa per programmare gli eventi che ogni anno vengono organizzati. Dovremmo riuscire a stanziare altri 700 mila euro, altrimenti non si andrà da nessuna parte». Ma per rilanciare davvero Taormina Arte, secondo Pippo Currenti, è necessario coinvolgere tutti i soggetti interessati al progetto.

«Serve una sinergia tra pubblico e privato» – «Sarebbe necessario trasformare il Comitato Taormina Arte in Fondazione cercando di coinvolgere il più possibile soggetti privati ed enti locali vicini al territorio e al polo turistico. Solo se si creerà questa sinergia tra pubblico e privato potranno sorgere le condizioni per rendere Taormina Arte ancora più incisiva dal punto di vista culturale, turistico e quindi economico. È chiaro che nel momento in cui si concentreranno più risorse su un organismo, questo ente avrà una forza maggiore nell’organizzare e programmare eventi ancora più grandi e incisivi». Currenti parla della necessità di andare «oltre il campanilismo» e «invece di coinvolgere la provincia o la città di Messina, servirebbe prendere in considerazione il polo turistico e coinvolgere, dal punto di vista economico, il pubblico e il privato». Il politico di “Sicilia Democratica” pensa a Taormina Arte come a una Fondazione rilevante per tutto il territorio e non soltanto per la Perla dello Jonio: «Taormina è il luogo in cui vengono organizzati gli eventi. È normale. In più non ci vedo nulla di male se qualche iniziativa verrà organizzata a Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola».

«La regione dovrà fare la sua parte» – Taormina Arte è sinonimo di esclusività, qualità e quindi, sottolinea Pippo Currenti, «non ci si potrà fermare all’evento locale. Il brand Taormina Arte è famoso nel mondo e gli eventi dovranno essere di chiara fama mondiale». Currenti guarda oltre la linea e afferma che «Taormina e il polo turistico del comprensorio meritano il meglio. Anzi, servirebbe andare al di là del comprensorio. La risonanza di Taormina Arte è così grande che ne usufruisce l’intera Sicilia». L’onorevole Currenti, infine, ha ricordato che «la regione dovrà fare la sua parte. È necessario comprendere che Taormina Arte significa occupazione, tramite l’indotto che viene a crearsi, per oltre 5 mila famiglie. È lo strumento per destagionalizzare e quindi potrebbe creare opportunità di lavoro per tutti». Alla luce di simili considerazioni, Pippo Currenti e “Sicilia Democratica” hanno chiesto al governo Crocetta di fare chiarezza sul futuro di Taormina Arte.

© Riproduzione Riservata

Commenti