Eligio Giardina: «Scompariranno tutti i cassonetti dalla zona centrale» – Taormina e la raccolta differenziata, ci siamo. Il sindaco della Perla dello Jonio, Eligio Giardina, ha annunciato che in base al progetto concordato con Messinambiente, nel centro di Taormina, a partire dal primo giugno, inizierà la raccolta differenziata. «Taormina va verso la differenziata. Si tratta di un progetto che doveva partire il primo maggio, ma è slittato al primo giugno. Questo comporterà, ha aggiunto il primo cittadino, la scomparsa di tutti i cassonetti dalla zona centrale». Intanto l’amministrazione comunale pensa a dei progetti per educare la cittadinanza alla raccolta differenziata e il sindaco Giardina ha affermato che «in sinergia con l’ingegnere Roberto Lisi di Messinambiente, ho chiamato la dirigente dell’Istituto Comprensivo di Taormina, professoressa Carla Santoro, per fare degli incontri tra i responsabili di Messinambiente e le scuole, perché è fondamentale sensibilizzare in primis i più piccoli nell’ottica di un’educazione civica che, in generale, dovrà coinvolgere tutti i cittadini di Taormina».

Alessio Ciacci: «Questo comporterà sia il miglioramento della qualità dei servizi sia una loro riqualificazione» – Il Commissario liquidatore di Messinambiente, Alessio Ciacci, ha ribadito ai microfoni di BlogTaormina che questo è il secondo step previsto dalla road map concordata tra l’azienda e il comune. «Per migliorare la qualità dei servizi tutto è iniziato con il progetto pilota a costa zero della raccolta differenziata degli otto alberghi del centro (Hotel Monte Tauro, Hotel Timeo più Villa Flora, Hotel Ariston più Santa Caterina, Hotel San Domenico, Hotel Diodoro, Hotel The Ashbee, Hotel Excelsior, Hotel Villa Schuler), il passo successivo è proprio l’attivazione della raccolta differenziata alle utenze domestiche e non domestiche del Corso Umberto e delle vie limitrofe. Questo comporterà sia il miglioramento della qualità dei servizi sia una loro riqualificazione. È un investimento che facciamo, perché puntiamo a migliorare costantemente la qualità dei servizi per avviare un percorso insieme all’amministrazione comunale».

«In seguito l’attivazione dell’isola ecologica a Taormina» – Si tratta di un passaggio chiave per il futuro di Taormina e, considerando la situazione ereditata, non si possono fare previsioni, al momento, sulle percentuali attese per la differenziata di Taormina centro. Su questo punto il Commissario Ciacci è d’accordo e guarda già al prossimo obiettivo da raggiungere. Esiste un percorso ben preciso che prevederà in seguito «l’attivazione dell’isola ecologica a Taormina. L’isola ecologica sarà avviata contestualmente o subito dopo il porta a porta. Al momento c’è un centro di raccolta che non fa servizio al cittadino, ma noi vorremmo riqualificare la zona e in parte già abbiamo iniziato con manutenzioni straordinarie. È previsto, inoltre, uno spazio per un operatore che dovrà presidiare l’isola e renderla disponibile al pubblico».

© Riproduzione Riservata

Commenti