Foto Andrea Jakomin/blogTAORMINA ©2015

Restituire Giardini Naxos alla bellezza. È questo l’obiettivo della professoressa Fulvia Toscano, assessore alla cultura in pectore dell’aggregazione politica “Adesso si può” che sostiene il candidato sindaco Sebastiano Cavallaro. Nella serata di venerdì, a tal proposito, si è svolto all’interno della splendida cornice della stazione ferroviaria di Taormina-Giardini, fulgido esempio di architettura consacrata al “liberty palermitano”, un aperitivo-dibattito organizzato proprio dalla professoressa Fulvia Toscano. All’interno della manifestazione, cui ha partecipato un’ampia e variegata platea di persone nonostante essa fosse rivolta principalmente alla valorizzazione del mondo femminile locale, Fulvia Toscano ha enucleato le proprie linee guida che costituiscono il progetto “Naxos Cre-attiva” mirato a restituire Giardini Naxos alla bellezza che dovrebbe caratterizzarla per 365 giorni l’anno.

«Cuore della visione programmatica della Toscano è il concetto di “Smart city”, una città intelligente, una città a misura di cittadino, una città di servizi che si proietti nel futuro all’insegna della sostenibilità e della creazione di network socio-culturali che esaltino e non disperdano le forze creative del territorio. Centrale anche il recupero e la riscoperta dei “luoghi della cultura” come “luoghi della bellezza”, il recupero e la valorizzazione, per essere precisi, del parco archeologico e di tutte quelle infrastrutture che devono essere rimesse al servizio della comunità come il centro fieristico noto come “Palanaxos” e l’ex “Teatro Nuovo” sito nella zona di Schisò. Fulvia Toscano ha inoltre proseguito insistendo sul fatto che il settore turistico-culturale può e deve essere il motore dell’economia naxiota attraverso una gestione intelligente delle risorse naturalistiche e storiche che la città possiede ed attraverso un processo di seria destagionalizzazione che consenta alle forze lavorative del comprensorio di essere occupate per l’intero corso dell’anno evitando quel fenomeno migratorio (o altresì definito “brain drain”) che ha impoverito il nostro territorio negli ultimi anni. A corollario della manifestazione è poi intervenuto il candidato sindaco Sebastiano Cavallaro che, nell’esprimere la sua incondizionata stima nei confronti dell’impegno e del lavoro della professoressa Toscano, ha salutato i presenti riassumendo sinteticamente i suoi intendimenti per la città e auspicando un futuro che sia di netta discontinuità con il precedente modo di amministrare la cittadina naxiota».

© Riproduzione Riservata

Commenti