Pensavano di essere i protagonisti di qualche strano film le quattro persone dell’hinterland catanese che sono state denunciate all’Autorità giudiziaria per il reato di danneggiamento in concorso.

I quattro danneggiatori, identificati dai poliziotti del Commissariato di Taormina, che hanno 25, 27, 30 e 31 anni, trascorrevano la notte in città lasciando l’auto al parcheggio di Porta Catania. Dopo le notti brave, tornavano a casa. Per diverse ore sostavano nel parcheggio della Perla dello Jonio e per non pagare il prezzo del biglietto, che lievitava di ora in ora, avevano escogitato un metodo per aggirare il pagamento: staccavano dalla base di sostegno la sbarra telematica del parcheggio per non pagare il pedaggio. L’escamotage ha funzionato per ben tre volte, il 25 gennaio, il 1° ed il 15 febbraio scorso, con un danno per l’azienda di diverse migliaia di euro. Ad ogni danneggiamento, infatti, tutto il sistema telematico andava in tilt causando i prevedibili disagi alla struttura e un evidente danno economico.

Il “giochetto” si è concluso quando i poliziotti del Commissariato di Taormina sono risaliti all’identità dei quattro danneggiatori, dopo aver visionato i filmati del sistema di video sorveglianza. Le successive indagini hanno infine incastrato i quattro come responsabili del danno al parcheggio.

© Riproduzione Riservata

Commenti