Un due, tre, stella mi giravo ti vedevo sempre sorridente, sempre con gli occhi vispi e furbi di chi la sapeva più lunga degli altri. Castelli di sabbia costruivi in un’isola meravigliosa, che il mare inesorabilmente distruggeva e che tu tenacemente ricostruivi, ed io ti ammiravo. Tanti auguri a te, tanti auguri a te tu cantavi a me io cantavo a te in semplici feste di compleanno con torte cucinate in casa dall’atmosfera antica e dal gusto retrò. E anche quando hai cambiato casa e non abitavi più di fronte, e anche quando ho cambiato casa e non abitavo più “o burugu”, la tua forza, il tuo coraggio, il tuo profondo senso civico, il tuo immenso amore per questa città mi ha sempre accompagnato.

Cuore pulsante del gruppo Osram, consigliere comunale meticoloso, fondatore del gruppo Aiutiamo Taormina, di te mi mancherà, ci mancherà, il tuo piccante sarcasmo che magistralmente sconfinava nella denuncia, la tua attenzione alle piccole cose che solo tu sapevi che erano il seme di quelle grandi, la tua immensa dedizione verso il paese dove sei nato e che hai lasciato proprio al suo crepuscolo. Soave come l’ironia e ironico come la soavità, il tuo esempio, la tua testimonianza, la tua rettitudine, la tua integrità morale, il tuo ricordo non ci lascerà mai. Vivrai negli occhi di tua madre, nel sorriso di tuo fratello, nelle azioni delle tue nipoti, nei cuori di tutti i tuoi amici. Ogni volta che passerò dal BamBar, ogni volta che berrò un caffè, ogni volta che degusterò una granita penserò a te, caro grande Tino, e non piangerò perché so di certo che non è questo che tu vuoi da tutti noi. Tutta la redazione del portale d’informazione “BlogTaormina” si associa al profondo dolore dei familiari.

© Riproduzione Riservata

Commenti