Foto A. Jakomin / blogTAORMINA ©2015

Dopo le recenti dichiarazioni del Coordinatore del Partito Democratico di Giardini Naxos, Maurizio Micari, che aveva sottolineato come «nessun iscritto è autorizzato a usare il nome del Pd in occasione della prossima competizione elettorale», è arrivato il plauso da parte di alcuni cittadini che hanno aderito ad “Agorà 2015”, i quali hanno apprezzato e condiviso il punto di vista di Micari. Nel documento firmato da Lilly Labonia, Rossana Cacciola, Gabriele La Fauce e Pina Scavo, si legge che «è fallito miseramente il tentativo velleitario e dilettantesco con cui una ben identificata minoranza, ha tentato di dare, mediante una connotazione di partito, affidabilità politica alla candidatura a sindaco del vice sindaco Bosco. Il percorso tracciato da Micari è chiaro ed è la via maestra che deve condurre il PD fuori dalle secche di una stagione politica costellata, anche nel recente passato, da condivisioni politiche sbagliate che hanno portato ad amministrazioni inefficaci per la soluzione dei problemi della città».

Secondo i “liberi cittadini” che hanno aderito alle iniziative politiche della lista civica “Agorà 2015”, chi ha provato a identificarsi con la sinistra giardinese, in realtà, «ha contribuito allo stato di degrado di vari quartieri, aree pubbliche, immobili comunali». Inoltre Labonia, Cacciola, La Fauce e Scavo hanno tenuto a precisare il loro percorso politico: «Per quanto ci riguarda, rispettosi del deliberato del Partito, abbiamo aderito da “liberi cittadini” alle iniziative politiche dell’aggregazione civica Agorà 2015 che vede candidato alla carica di Primo Cittadino Giuseppe Cacciola, senza la necessità di mascherarci dietro nessuna “etichetta di partito”, non perché non siamo Democratici, lo siamo stati, lo siamo e lo saremo a prescindere dall’esito elettorale, ma semplicemente perché abbiamo mescolato la nostra storia personale alla grande voglia di cambiamento che si respira in città e di cui tanti giovani di Agorà 2015 sapranno esserne interpreti. Esserci per essere protagonisti di una nuova stagione politica è un’opportunità per la città, esserci per il solo gusto di esserci è un opportunismo per pochi eletti».

© Riproduzione Riservata

Commenti