Casa Cuseni
Casa Cuseni - Foto/blogTAORMINA ©2015

Oggi pomeriggio, alle ore 16.30, presso la Saletta conferenze del Servizio Turistico Regionale di Giardini Naxos, si terrà l’incontro di presentazione delle Giornate FAI di primavera (21-22 marzo), a Giardini Naxos e Taormina. All’incontro interverranno la responsabile del gruppo FAI di Giardini Naxos-Taormina, per la delegazione di Messina, Fulvia Toscano, che porterà i saluti anche della presidente regionale Giulia Miloro, e i proprietari dei due straordinari siti che saranno, per l’occasione, aperti al pubblico: Sebastiano Paladino, per il Castello di Schisò, a Giardini Naxos, di cui sarà aperta e presentata la l corte oggetto di recenti restauri e Franco e Mimma Spadaro, per il Museo di Casa Cuseni di Taormina. All’incontro è prevista la partecipazione dei dirigenti scolastici delle due scuole protagoniste delle giornate, la dottoressa Maria Carmela Lipari per il Liceo Caminiti di Giardini Naxos e il prof. Luigi Napoli per l’I.I.S.S. Pugliatti di Taormina.

Nelle due giornate, infatti, come di consueto, saranno gli studenti apprendisti ciceroni del FAI, a accogliere i visitatori e presentare i beni aperti. Le classi partecipanti al progetto sono: IVA, VA e IA linguistico per il Liceo di Giardini Naxos e la III D per il Pugliatti. La peculiarità, rispetto allo scorso anno, sarà che un folto gruppo di studenti delle due scuole, offrirà un servizio di presentazione in lingua straniera, francese, inglese e tedesco, per favorire l’accesso ai visitatori stranieri, già numerosi, presenti sul territorio. Saranno presenti anche i docenti referenti del progetto per entrambe le scuole, che seguiranno gli studenti anche nel corso delle due giornate.  All’incontro di sabato saranno presenti anche alunni della classe VA, iscritta al FAI, che porteranno la loro testimonianza in merito alla esperienza già realizzata nella edizione 2014 di giornate di primavera. Tanti i volontari del FAI che prenderanno parte alla messa in essere del progetto, prestando la loro preziosa collaborazione.

I due siti che il FAI propone per questa edizione di Giornate di primavera, costituiscono due veri tesori del nostro patrimonio. L’uno, il castello di Schisò a Naxos, proprietà della famiglia Paladino, è un monumento simbolo della città che racchiude al suo interno testimonianze pregiate della storia cittadina, nelle sue diverse fasi di stratificazione, che presto saranno restituite al pubblico, grazie agli interventi fortemente voluti dalla famiglia dei proprietari; l’altra, Casa Cuseni a Taormina, proprietà della famiglia Spadaro, è un vero tempio del Grand Tour, simbolo monumentale, della nascita del mito stesso di Taormina, attraverso la presenza dei grandi protagonisti della cultura internazionale che ivi hanno soggiornato, lasciando indelebili tracce della loro presenza e facendo della Casa di Daphne Phelps, un vero scrigno delle meraviglie. Come già verificatosi nella passata edizione di Giornate di primavera a Naxos-Taormina, ci saranno degli eventi collaterali, in particolare in collaborazione con il festival Naxoslegge e l ‘associazione Bruno Caruso di Giardini Naxos e con il progetto Spazio al Sud di Taormina, a conferma del coinvolgimento, intorno agli eventi del FAI, di virtuose realtà  del territorio, che operano per la crescita culturale e sociale della città.

© Riproduzione Riservata

Commenti